Borsa Milano apre debole con banche, Mps non riesce a fare prezzo

martedì 10 giugno 2014 09:32
 

MILANO, 10 giugno (Reuters) - Piazza Affari parte in leggero calo in linea con le altre borse europee dopo tre giorni di rialzi innescati dall'entusiasmo del mercato per le misure di stimoli annunciate dalla Bce la settimana scorsa.

Alle 9,30 circa l'indice FTSE Mib segna un ribasso dello 0,12%, entre l'All Share cede lo 0,15%.

In Europa il benchmark FTSEurofirst 300 arretra dello 0,12%.

MPS non riesce ad entrare nelle contrattazioni dopo che già ieri, al primo giorno dell'aumento di capitale iper-diluitivo, è rimasta sospesa per l'intera seduta. Il titolo segna un prezzo indicativo di 2,216 euro, in rialzo teorico del 20%, il massimo nella fascia di oscillazione di prezzo consentita.

I diritti cedono il 3,7% a 20,70 euro dopo un calo di 6,9% nella seduta di ieri.

Deboli le altre banche, soprattutto le popolari, con BANCO POPOLARE la più penalizzata con un calo di oltre l'1%.

Prova a rimbalzare CARIGE (+1,4%) dopo che ieri la Fondazione ha venduto a un gruppo di investitori istituzionali il 10,86% del capitale, facendo scendere la partecipazione al 19%.

Tra gli altri spunti postivi del FTSE MIB MEDIASET segna un rialzo dell'1,3% circa.

  Continua...