Bce proponga politica più accomodante contro rischio bassa inflazione-Lagarde

mercoledì 2 aprile 2014 17:17
 

WASHINGTON, 2 aprile (Reuters) - La Bce dovrebbe proporre una politica monetaria più accomodante per combattere il rischio di "bassa inflazione" che potrebbe impattare negativamente su produzione e spese per consumi della zona euro.

Lo ha detto Christine Lagarde, direttore generale del Fondo Monetario Internazionale (Fmi), secondo cui l'economia mondiale dovrebbe crescere a un ritmo superiore al 3% quest'anno e il prossimo. Tuttavia la ripresa dalla crisi finanziaria globale resta fragile e c'è il rischio di un periodo prolungato di crescita fiacca.

Lagarde, in un discorso preparato per un evento alla John Hopkins School, ha citato la dinamica lenta dei prezzi nella zona euro, le tensioni geopolitiche come quelle dell'Ucraina e la volatilità dei mercati come fattori che potrebbero intralciare la crescita nel breve termine.

"Nel 2013 la crescita globale è stata di circa il 3%. Prevediamo modesti miglioramenti nel 2014 e nel 2015 anche se restiamo al di sotto dei trend passati", dice Lagarde. "Il rischio è che senza una sufficiente ambizione di politica monetaria, il mondo possa cadere in una trappola di bassa crescita nel medio termine".

"Un maggiore allentamento monetario anche attraverso misure non convenzionali è necessario nella zona euro e anche la Banca del Giappone dovrebbe continuare sulla politica di quantitative easing", aggiunge.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia