Multa Ue cavi, Pirelli esclude ruolo, farà ricorso

mercoledì 2 aprile 2014 15:08
 

MILANO, 2 aprile (Reuters) - Secondo Pirelli - controllante fino al 2005 della società di cavi ora Prysmian - la decisione della Commissione Europea di oggi conferma che non c'è stato coinvolgimeno diretto di Pirelli nel presunto cartello nel business di cavi per il trasporto di energia.

L'unico legame tra Pirelli e la violazione antitrust, per cui la Commissione Ue ha deciso multe per 302 milioni di euro, deriva dal fatto che la società controllava Prysmian, secondo una nota Pirelli.

La nota annuncia che Pirelli farà ricorso in appello contro la decisione. Secondo la società infatti, "non essendo coinvolta nella presunte irregolarità della sua ex controllata, la piena responsabilità finale dell'eventuale violazione (e del pagamento della relativa sanzione) debba essere esclusivamente a carico della società direttamente coinvolta".. Di conseguenza "Pirelli non vede impatti finanziari derivanti da tale decisione".

Oggi la Commissione Ue ha deciso una multa per 11 produttori di cavi per 302 milioni di euro. Prysmian è stata multata per 104 milioni di euro, di cui 67,31 milioni congiuntamente con Pirelli e 37,303 milioni con Goldman Sachs, cui Pirelli ha venduto i cavi nel 2005.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia