Appalti Palazzo Chigi, Bisignani patteggia due mesi - fonti

mercoledì 2 aprile 2014 11:54
 

ROMA, 2 aprile (Reuters) - L'uomo d'affari Luigi Bisignani, accusato di frode fiscale nell'ambito di un'inchiesta su appalti sospetti a Palazzo Chigi nel 2010, ha patteggiato una condanna a due mesi di reclusione, riferiscono fonti giudiziarie.

Lo scorso 19 febbraio, Bisignani e il generale dei Carabinieri in pensione Antonio Ragusa sono stati messi agli arresti domiciliari per decisione della giudice per le indagini preliminari Maria Paola Tomaselli.

Bisignani oggi ha patteggiato per l'accusa di frode fiscale due mesi, in continuità con la precedente condanna di un anno e sette mesi per l'inchiesta della Procura di Napoli sulla cosiddetta "P4", mentre per Ragusa, che all'epoca dei fatti contestati era il responsabile del dipartimento Risorse strumentali di Palazzo Chigi, l'accusa è di corruzione e turbativa d'asta.

Dell'inchiesta sui lavori nella sede del governo i media avevano parlato già nei mesi scorsi, riferendo che secondo gli investigatori nell'appalto sarebbero state favorite due aziende legate a Finmeccanica in cambio dell'assunzione del figlio di Ragusa.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia