27 marzo 2014 / 17:23 / 3 anni fa

PUNTO 2-Pirelli, 2013 in linea con previsioni, taglia target ricavi 2014

(Aggiunge dichiarazioni Tronchetti Provera)

MILANO, 27 marzo (Reuters) - Pirelli chiude il 2013 in linea con le previsioni della società, mentre sul 2014 taglia l'obiettivo sui ricavi e conferma quello sull'Ebit e prevede di compensare la svalutazione in America Latina con un aumento dei prezzi.

Il cda proporrà all'assemblea una cedola stabile a 32 centesimi per le ordinarie e 39 per le azioni di risparmio.

I ricavi dell'anno si attestano a 6,146 miliardi (+1,2%, +8,4% al netto dell'effetto cambi), sostenuti dai mercati emergenti, nonostante la debolezza dei cambi, che compensano il calo di Usa ed Europa.

L'Ebit è pari a 791 milioni da 792,5 milioni, l'Ebit margin segna un calo al 12,9% dal 13,1%.

L'utile netto cala a 306,5 milioni da 391,5 milioni, il debito netto si attesta a 1,322 miliardi.

Sul 2014 le attese sono per un Ebit a 850 milioni, investimenti inferiori a 400 milioni, generazione di cassa prima dei dividendi a 250 milioni, debito netto a 1,2 miliardi.

Il gruppo guarda a possibili partnership in Asia e in particolare in Cina, "ma non sono attese novità a breve", ha detto il numero uno del gruppo Marco Tronchetti Provera, nella conference call con gli analisti.

CESSIONE STEEL CORD NON E' INCLUSA NEI TARGET

Pirelli prevede di chiudere la cessione delle attività steel cord entro il prossimo settembre, ha detto Tronchetti. "I proventi della cessione non sono inclusi negli obiettivi, una volta realizzata la cessione avremo quindi una corrispondente riduzione del debito netto rispetto agli obiettivi", ha detto.

Pirelli a fine febbraio ha siglato un accordo con Bekaert per la cessione del 100% delle attività steelcord per un valore complessivo (enterprise value) di circa 255 milioni di euro.

AUMENTI PREZZI IN LATAM, RUSSIA NON AVRA' IMPATTO SU TARGET

Un calo della domanda in Russia e la svalutazione del rublo non sono un rischio per gli obiettivi finanziari.

"Il gruppo può approfittare della debolezza del rublo ed esportare dalla Russia all'Europa a costi molto bassi", ha detto Tronchetti Provera. "La svalutazione ha reso la Russia più competitiva della Romania".

"Confermiamo tutti gli obiettivi", ha aggiunto.

Sull'ingresso della russa Rosneft nel capitale di Pirelli, Tronchetti ha confermato che si tratta "di una partnership di lungo periodo".

Per quanto riguarda l'America Latina, dove si rischia un ulteriore svalutazione delle divise, Tronchetti ha detto che "il gruppo prevede azioni per compensare la volatilità del forex".

"Prima di tutto ci sarà un aumento dei prezzi in Argentina e Venezuela a due cifre", ha detto, aggiungendo che vede una crescita della domanda in Brasile, dove prevede un aumento dei prezzo a una cifra.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below