Forex, dlr tocca massimi di seduta su yen dopo dati Usa migliori attese

mercoledì 26 marzo 2014 14:41
 

NEW YORK, 26 marzo (Reuters) - Dollaro sui massimi di seduta
nei confronti dello yen nei primi scambi sulla piazza
statunitense, supportato dai segnali positivi che continuano ad
arrivare dagli indicatori macroeconomici americani.
    Ultimi in ordine di tempo a suggerire un consolidamento
della ripresa della prima economia mondiale sono i dati relativi
agli ordini di beni durevoli, rimbalzati a febbraio del 2,2%,
secondo i numeri resi noti oggi, mentre le attese convergevano
su un più modesto +1%, dopo la contrazione di pari entità
segnata il mese precedente.
    Dopo i dati, la valuta Usa ha accelerato nei confronti dello
yen, ai massimi di seduta, fino a 102,45, livello cui si
mantiene vicino intorno alle 14,30, quando il biglietto verde
passo di mano 102,40 yen, in rialzo dello 0,15%.
    Il dollaro è tonico anche nei confronti dell'euro, il cui
recente trend ascendente è stato quantomeno frenato da una serie
di dichiarazioni dai toni accomodanti da parte di esponenti
della Banca centrale europea, che hanno ravvivato la possibilità
che Francoforte metta in campo ulteriori misure espansive per
contrastare il rischio deflazione.
    La valuta unica continua a oscillare poco sopra i minimi da
tre settimane segnati ieri, dopo che il governatore della
Bundesbank Jens Weidmann ha aperto per la prima volta alla
possibilità che la Bce possa intraprendere un programma di
acquisto asset.
    Sceso ieri fino a 1,3749 dollari, l'euro passa di mano a
1,3787 dollari, lasciando sul terreno lo 0,3% circa.

                             ORE 14,30               CHIUSURA
 EURO/DOLLARO         1,3787/90                 1,3825  
 DOLLARO/YEN          102,43/44                 102,26  
 EURO/YEN          141,23/25                 141,35 
 EURO/STERLINA     0,8332/33                 0,8358   
 ORO SPOT         1.309,70/0,20         1.310,44/11,12 
    
    
 
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia