Luxottica debole in borsa, pesano indiscrezioni su Guerra ministro

venerdì 14 febbraio 2014 11:46
 

MILANO, 14 febbraio (Reuters) - Seduta debole a Piazza Affari per Luxottica, in controtendenza con il mercato, sulle indiscrezioni stampa che danno l'AD Andrea Guerra probabile ministro di un governo guidato da Matteo Renzi.

Guerra "ha fatto un lavoro eccezionale in Luxottica. Se partisse, sarebbe una perdita importante per l'azienda. Anche se, vista la sua reputazione, non è sorprendente che sia in lizza per essere un ministro del Paese", commenta Luca Solca, managing director Global Luxury Goods di Exane Bnp Paribas.

"L'indiscrezione era già uscita nei giorni scorsi, ma oggi è più concreta e sta facendo perdere terreno al titolo", osserva un altro analista.

Oggi la stampa rilancia l'ipotesi di Guerra, "renziano della prima ora", come ministro dello Sviluppo economico del governo che il segretario del Pd dovrebbe a breve ricevere l'incarico di formare.

Nessun commento da Luxottica che rimanda all'intervista di Guerra alla Repubblica il 29 gennaio, all'indomani della diffusione dei ricavi preliminari 2013, in cui il numero uno del gruppo di occhialeria assicurava di non essere tentato dalla politica e sottolineava di lavorare "nell'azienda più bella del mondo".

Intorno alle 11,35 il titolo cede lo 0,58% a 39,22 euro, uno dei pochi titoli negativi dell'indice FTSE Mib che sale dell'1% circa. I volumi accelerano un po' rispetto alle ultime sedute ma sono complessivamente abbastanza tranquilli, pari a circa 470.000 pezzi contro i 750.000 della media di un'intera seduta negli ultimi 30 giorni.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia