13 febbraio 2014 / 10:09 / tra 4 anni

Telecom Italia risp riduce sconto ordinarie dopo notizia su quote a fondi Usa

MILANO, 13 febbraio (Reuters) - Telecom Italia risparmio in rialzo dopo la notizia che oltre l‘11% dei titoli è in mano a fondi Usa, ma una fonte vicina alla vicenda esclude negli ultimi tempi attivismo su queste azioni e dice che le quote dei due investitori a settembre 2013 non erano lontane dai livelli comunicati ieri.

Secondo due filing alla Sec Massachusetts Financial Services Company (Mfs) detiene il 5,7% delle risp; Brandes Investment Partners il 5,8%.

“Le quote in mano ai due fondi non erano molto diverse a settembre dello scorso anno”, dice una fonte vicina alla vicenda. “Non c‘é stato particolare attivismo di fondi esteri sulle risp nelle ultime settimane”.

Non è stato possibile avere un commento da Telecom Italia.

Alle 11 Telecom Italia è stabile a 85,55 centesimi con scambi a 25,7 milioni da una media giornaliera di 153,6 milioni, contro uno Stoxx di settore che perde lo 0,4%.

Telecom Italia risp sale dell‘1,4% a 66,45 centesimi con scambi a 16,5 milioni da una media giornaliera di 25,6 milioni.

Da settembre 2013 ordinarie e risp hanno segnato un rialzo del 50% circa.

Negli ultimi 12 mesi lo sconto tra ordinarie e risparmio era pari al 19%, si è allargato successivamente fino ad arrivare al 23% dell‘ultimo mese, “segnalando quindi la possibilità di un ulteriore rafforzamento delle risp”, dice un analista.

Il mercato si esercita su alcune ipotesi legate agli acquisti sulle risp. La prima è una possibile conversione in ordinarie, operazione che potrebbe convenire al gruppo, considerata l‘onerosità delle risparmio a causa degli obblighi sul dividendo, ma meno agli investitori.

“Non penso che gli investitori siano interessati alla conversione, basta guardare la cedola e alle prospettive sulla società”, dice un analista. “Queste azioni avranno il dividendo le ordinarie probabilmente no”.

Il gruppo ha parlato di cancellazione della cedola, contestualmente al nuovo piano di riduzione del debito che comporta cessioni e un bond convertendo già emesso per complessivi 4 miliardi di euro.

Ai prezzi attuali, la cedola delle risparmio comporta un rendimento del 4,73% secondo gli schermi Reuters.

L‘ipotesi di conversione potrebbe far pensare a una prossima fusione con Telefonica, perchè questo tipo di azioni potrebbe essere un ostacolo all‘operazione nel caso di scambio azionario, dice un secondo analista.

Ma il mercato non sembra focalizzato su questa possibilità, considerato che l‘ordinaria è piatta.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below