12 febbraio 2014 / 17:54 / tra 4 anni

PUNTO 2-Panama, accordo iniziale per riprendere lavori ampliamento Canale

(Aggiunge dichiarazioni Quijano su tempistica in quinto paragrafo)

PANAMA/MADRID, 12 febbraio (Reuters) - L‘Autorità del Canale di Panama ha annunciato di aver raggiunto un accordo iniziale per risolvere la lunga disputa sui costi addizionali del progetto di ampliamento del collegamento tra l‘Oceano Atlantico e quello Pacifico.

Il consorzio dei costruttori, guidato dalla spagnola Sacyr e a cui partecipa anche Salini Impregilo, ha fermato i lavori per il raddoppio della capacità del Canale mentre è in corso una lite su oltre 1,6 miliardi di dollari di costi ulteriori e finanziamenti extra per il progetto che è già realizzato al 70% e dovrebbe essere completato l‘anno prossimo.

“Abbiamo accordi preliminari, ci sono ancora alcune questioni da risolvere e stiamo lavorando in quella direzione”, ha commentato il numero uno dell‘Autorità del Canale (PCA), Jorge Quijano.

Questo non significa - ha spiegato - che PCA abbia abbandonato l‘alternativa di passare il contratto a una parte terza. Quijano non ha inoltre dato dettagli su cosa comporterebbe un accordo.

Il numero uno dell‘Autorità del Canale ha successivamente affermato di aver fissato un obiettivo di non più di una settimana per raggiungere un accordo e ha avvisato che se non si troverà un‘intesa l‘unica alternativa sarà quella di completare il progetto senza il consorzio guidato da Sacyr.

Un accordo dovrebbe probabilmente prevedere che entrambe le parti si accollino parte dei costi addizionali e potrebbe includere nuovi prestiti bancari, ha riferito una fonte a conoscenza delle trattative.

Alla borsa di Madrid Sacyr ha chiuso in rialzo del 4,7% e a Milano Salini Impregilo ha guadagnato l‘1,8%.

Oltre alla disputa sui costi, le due parti stanno negoziando su una scadenza per il rimborso da parte del consorzio di 785 milioni di dollari di pagamenti anticipati effettuati dall‘Autorità del Canale e sulla data di consegna di 12 delle 16 chiuse, parte fondamentale del progetto.

Un altro punto in discussione è il ruolo della compagnia assicurativa Zurich North America che potrebbe convertire un bond da 400 milioni di dollari in garanzie per un altro prestito.

Un accordo sulla data per la consegna delle chiuse è vicino, ha detto un‘altra fonte, ma le questioni relative ai finanziamenti e al ruolo di Zurich devono ancora essere risolte.

Secondo questa fonte, l‘Autorità e il consorzio sono anche d‘accordo sulla data dei test delle nuove strutture e su un piano di pagamenti per fornitori e subcontrator.

Il consorzio si è detto disponibile a far decidere a soggetti terzi chi deve pagare per i costi extra ma ha anche affermato di avere bisogno degli 1,6 miliardi di dollari per finire i lavori.

Quijano ha dichiarato che il progetto probabilmente subirà ritardi anche se un accordo con il consorzio verrà raggiunto, ma potrà comunque essere terminato entro dicembre 2015.

Le trattative su come trovare la liquidità aggiuntiva per terminare il progetto sono state allungate per due volte. La scorsa settimana Panama le ha interrotte per poi riprenderle poco dopo.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below