Saipem, Procura Milano estende di sei mesi inchiesta su Algeria

martedì 11 febbraio 2014 17:51
 

MILANO, 11 febbraio (Reuters) - La procura di Milano ha esteso di altri sei mesi l'inchiesta per presunta corruzione su alcuni contratti in Algeria che vede cooinvolta Saipem e anche l'Ad della controllante Eni, Paolo Scaroni.

E' quanto si legge nelle slide della società mentre è in corso la conference call con gli analisti sui risultati 2013.

Inoltre, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha esteso alla fine di maggio 2014 il tolling agreement, stipulato da Saipem su richiesta del Dipartimento di Giustizia. In altri termini, è stato esteso il termine di prescrizione applicabile a eventuali violazioni di leggi federali degli Stati Uniti in relazione ad attività pregresse di Saipem e relative subsidiaries.

In un comunicato emesso lo scorso 17 luglio Saipem scrive che "il tolling agreement non costituisce un'ammissione da parte di Saipem di aver compiuto alcun illecito, né di essere soggetta alla giurisdizione degli Stati Uniti ai fini di qualsivoglia indagine o procedimento".

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia