Banche Italia, a fine gennaio rimborsati a Bce Ltro per 64 mld

martedì 11 febbraio 2014 16:11
 

MILANO, 11 febbraio (Reuters) - Le banche italiane a fine gennaio avevano restituito 64 dei 255 miliardi di finanziamento ottenuti dalla Bce con i due p/t a tre anni lanciati a cavallo tra fine 2011 e inizio 2012.

Il dato, contenuto nella relazione di Ignazio Visco al congresso Assiom Forex, evidenzia come, con la sola eccezione conosciuta di Intesa Sanpaolo, il sistema bancario italiano abbia scelto di chiudere in anticipo gli Ltro solo limitatamente. A circa un anno dalla scadenza delle due operazioni a tre anni rimangono infatti da restituire 191 miliardi.

A fine gennaio, a un anno da quando è iniziato il periodo di possibile rientro anticipato, la percentuale di restituzione del sistema creditizio nazionale è del 25,1%, ma, al netto dei 36 miliardi sottoscritti e rimborsati da Intesa Sanpaolo, cala al 12,8% (28 miliardi su 219).

Nell'intera zona euro nello stesso periodo è stato rimborsato il 44,8% dell'ammontare degli Ltro concessi (456 miliardi su oltre 1.018 collocati).

Guardando alle due big italiane, mentre Intesa ha scelto di convertire buona parte degli Ltro rimborsati in p/t a più breve scadenza, Unicredit ha scelto un profilo di rientro graduale, come ribadito recentemente dall'AD Federico Ghizzoni. A metà dicembre 2013 Unicredit aveva rimborsato circa 5 dei 26 miliardi ottenuti dalla Bce sulla scadenza extra-lunga.

Sempre a fine gennaio le banche italiane erano esposte con la Bce anche per 9,2 miliardi su p/t a 7 giorni e per 23,5 miliardi su p/t a 1 e 3 mesi. Globalmente i prestiti in essere da parte delle banche italiane era pari a 223,7 miliardi.

I due Ltro lanciati sinora dalla Bce sono in scadenza rispettivamente a gennaio e febbraio 2015.

(Luca Trogni)   Continua...