Telecom, Fossati chiede presidenza per seconda lista più votata - lettera a cda

martedì 11 febbraio 2014 11:41
 

MILANO, 11 febbraio (Reuters) - Marco Fossati, azionista di Telecom Italia con il 5% del capitale, torna a chiedere una modifica dei meccanismi di voto del cda in senso proporzionale e che la presidenza della società venga garantita al capolista della seconda lista più votata, quindi non alla lista Telco.

In una lettera Fossati dice che "sarebbe necessario introdurre, mediante modifiche statutarie, almeno le seguenti regole", dice la nota, indicando: "Nomina automatica alla carica di presidente del cda per il capolista della lista più votata; meccanismo di voto di lista con proporzionalità pura per la nomina degli amministratori".

Telco, che detiene il 22,4% di Telecom, è partecipata, in termini di diritti di voto, da Telefonica con il 46,18%, da Intesa Sanpaolo e Mediobanca con l'11,62% ciascuna e da Generali con il 30,58%.

Le regole in vigore prevedono che i quattro quinti del consiglio vengano nominati dalla lista di maggioranza.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia