Fiat, se azienda non dà aumenti pronti a iniziative - Fim Cisl

giovedì 6 febbraio 2014 18:13
 

ROMA, 6 febbraio (Reuters) - Oggi i vertici della Fim Cisl hanno fatto il punto sulla trattativa per il rinnovo del contratto Fiat e deciso che se l'azienda non concederà aumenti salariali per il 2014 come annunciato ieri, il sindacato si metterà sul piede di guerra.

Lo si legge in una nota dell'organizzazione sindacale.

"Per quanto riguarda la Fim Cisl, non c'è contratto senza soluzione salariale e la Fiat e CnhI devono cambiare posizione. Per questi motivi abbiamo proposto e condiviso un percorso sindacale volto a rafforzare la posizione sindacale a partire dall'assemblea delle Rappresentanze aziendali e dei lavoratori, che verranno convocate nei prossimi giorni. Dobbiamo prepararci anche a mettere in campo iniziative se l'azienda continuerà a mantenere questa posizione", si legge nella dichiarazione del segretario nazionale, Ferdinando Uliano.

Nell'incontro di ieri i vertici della casa automobilistica hanno ribadito di non voler concedere aumenti per l'anno in corso motivando la decisione, secondo la Fim, con "la situazione di difficoltà del settore in Europa, le scelte di blocco salariale fatte da altre case automobilistiche, gli sforzi finanziari del gruppo nella fusione con Chrysler e per il piano di investimenti che verrà comunicato il 30 aprile dall'Ad".

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano.

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia