Bankitalia, Adusbef presenta 130 denunce contro rivalutazione quote

mercoledì 5 febbraio 2014 12:38
 

ROMA, 5 febbraio (Reuters) - L'Adusbef, l'associazione dei consumatori guidata da Elio Lannutti, ha presentato denunce a "130 procure" contro il decreto sulla rivalutazione del capitale di Bankitalia.

In un post pubblicato sul blog di Beppe Grillo, Lannutti chiede di valutare tutta una serie di reati: abuso di ufficio, omissione di atti di ufficio, interruzione di pubblico servizio e pubblica utilità, riduzione in schiavitù, truffa, appropriazione indebita, abuso della credibilità popolare.

"E in più abbiamo fatto una denuncia per danno erariale alla procura generale della Corte dei Conti e alla Commissione europea, perché è un aiuto mascherato di Stato", dice Lannutti.

L'Adusbef fa quindi proprie le tesi del Movimento 5 stelle, che giudica il decreto "un regalo alle banche private".

"È un furto a danno della collettività, perché le riserve della Banca d'Italia non sono nella disponibilità di questi oligarchi né di un Parlamento che, abusando del proprio potere, ha fatto ricorso alla ghigliottina per la prima volta nella storia della Repubblica! Sono soldi nostri! E cercheremo in tutti i modi di rivendicarli, davvero in nome del popolo italiano", prosegue Lannutti.

Il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, ha tenuto lunedì 3 febbraio una conferenza stampa per smentire le accuse del Movimento 5 stelle.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia