Btp, lieve apertura spread su Bund in scia debolezza borse

martedì 4 febbraio 2014 12:06
 

Fedelmente riflesso nell'impostazione al ribasso degli indici
azionari, il clima nuovamente avverso al rischio fa lievitare le
quotazioni di asset rifugio per antonomasia come i governativi
tedeschi a svantaggio dei mercati periferici percepiti come più
pericolosi.
    Pur senza strappare si allarga così di una manciata di
centesimi la forbice di rendimento tra il Btp decennale e la
controparte Bund, riportandosi oltre i 225 punti base.
    L'assenza di particolari spunti sul fronte macro - fatta
salva la frenata leggermente inferiore alle attese dei prezzi
alla produzione europei e la lettura in linea al consensus
dell'inflazione italiana - tende a contenere le oscillazioni di
prezzi e rendimenti.
    "Dopo la caduta di Wall Street e il tracollo di Tokyo il
mercato è questa mattina chiaramente in fase di 'risk off' ma la
pressione su periferici come Italia e Spagna, cui fa da scudo
l'ombrello Bce, è molto contenuta" commenta l'operatore di una
banca primary.
    Unico appuntamento dal lato dell'offerta, l'asta greca a
brevissimo si è tradotta in una nuova flessione dei rendimenti
attraendo un buon livello di copertura.
    Monitorato con crescente interesse dagli osservatori dei
mercati, il finanziamento settimanale Bce implica una
'distruzione' di circa 20 miliardi di euro considerando i 95,1
miliardi chiesti e assegnati contro 115,6 che rientrano dalla
scorsa settimana.
    In base a calcoli Reuters aggiornati a questa mattina
 il livello della liquidità in eccesso in portafoglio
alle banche della zona euro è di circa 186 miliardi, destinati
in settimana a ridursi di 468 milioni con i rimborsi anticipati
di fondi 'Ltro'.
    L'Eurotower punta a riassorbire oggi 175,5 miliardi di euro
per 'sterilizzare' gli acquisti 'smp'.
    Secondo indiscrezioni stampa degli ultimi giorni, l'istituto
centrale di Francoforte - il cui consiglio di politica monetaria
è in agenda dopodomani - starebbe cercando l'appoggio della
Bundesbank per interrompere il processo di sterilizzazione.
    L'idea della sterilizzazione degli acquisti era in origine
legata al timore di pressioni al rialzo sui prezzi al consumo
europei, la cui dinamica ha invece ormai da mesi imboccato una
china discendente che sempre più preoccupata gli osservatori
evocando lo spettro di deflazione.
           
========================== 12,00 =============================
FUTURES BUND MARZO          144,12   (+0,10)
FUTURES BTP MARZO           117,48   (-0,17) 
BTP 2 ANNI (NOV 15)     103,616  (+0,022)  0,888%
BTP 10 ANNI (MAR 24)   106,114  (-0,215)  3,799%
BTP 30 ANNI (SET 44)   102,683  (-0,211)  4,638% 
========================= SPREAD (PB) ========================  
                                              ULTIMA CHIUSURA  
TREASURY/BUND 10 ANNI  106           110 
BTP/BUND 2 ANNI           82            87        
BTP/BUND 10 ANNI       226           221 
  livelli minimo/massimo            223,8-227,7  218,7-223,0   
BTP/BUND 30 ANNI       217           215 
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   291,1         287,5  
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   83,9          84,6
===============================================================
    
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia