Banche, rischio da mercati emergenti è concentrato - Deutsche Bank

venerdì 31 gennaio 2014 12:09
 

31 gennaio (Reuters) - Gli analisti di Deutsche Bank vedono il rischio da mercati emergenti come un rischio ristretto a specifiche banche piuttosto che come uno esteso all'intero settore degli istituti di credito europeo.

Le banche europee sono esposte per 3.300 miliardi di dollari di asset ai mercati emergenti; circa l'85% è riferibile a istituti quotati e circa 1.700 miliardi a poche banche.

"Nonostante il resto del rischio sia spalmato su un elevato numero di nomi, il rafforzamento dei bilanci ispirato da Basilea III ha portato a circa un raddoppio del valore di libro tangibile, offrendo per la maggioranza di essi un potente assorbitore di shock", scrivono gli analisti in uno studio.

Le banche più esposte, secondo Deutsche, sono Erste , dove i prestiti ai mercati emergenti rappresentano il 483% del valore di libro tangibile (tangible book value o TBV). Tra le altre banche esposte ai mercati emergenti ci sono Santander, 313% del TBV, BBVA, al 221%, Standard Chartered al 321% e Unicredit al 207%. Quando si considerano gli utili al posto dei prestiti, l'esposizione ai mercati emergenti di Commerzbank e di KBC è rispettivamente del 32% e del 42% per gli utili netti stimati nel 2014. Gli analisti sostengono che banche robuste sul fronte domestico come Intesa, Lloyds e Nordea saranno resistenti a shock sui mercati emergenti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia