Rcs, via il direttiore di El Mundo dopo critiche a governo Spagna

giovedì 30 gennaio 2014 19:04
 

di Claudia Cristoferi e Elisabeth O'Leary

MILANO/MADRID, 30 gennaio (Reuters) - Il direttore di El Mundo, Pedro J. Ramirez, lascerà la guida della testata e la direzione editoriale di Unidad Editorial, controllata spagnola di Rcs.

Lo dice una nota del gruppo italiano in cui si spiega che durante il Cda di Unidad Editorial che si è tenuto oggi "l'editore ha deciso di aprire una nuova fase per El Mundo, sempre tutelandone indipendenza ed obiettività, unitamente all'elevata qualità dei contenuti".

Ramirez, che fondò la testata nel 1989, manterrà un rapporto di collaborazione col gruppo. Al suo posto andrà Casimiro García-Abadillo, attuale vicedirettore.

L'obiettivo, spiega Rcs nella nota, è rilanciare le diffusioni cartacee del quotidiano, rafforzarne la leadership digitale e "ristabilire l'equilibrio economico e finanziario della testata", in sofferenza per la prolungata crisi che ha colpito l'intero settore in Spagna e non solo.

Accanto al calo di diffusioni che sta affrontando il secondo quotidiano spagnolo, all'origine dell'uscita dello storico direttore di El Mundo c'è però anche - come dice una fonte vicina alla situazione confermando la lettura più diffusa della vicenda - una motivazione politica legata ai numerosi scontri tra il quotidiano e il governo guidato da Mariano Rajoy.

Pedro Jose Ramirez, infatti, noto come Pedro J (che si pronuncia Hota), è stato molto critico con il governo anche se El Mundo è considerato un quotidiano vicino al partito conservatore oggi al potere.

Il minstro dell'Economia Luis de Guindos ha però smentito categoricamente che il governo sia coinvolto nella decisione e ha elogiato Ramirez come un "gran giornalista che ha segnato un'epoca in Spagna".

Secondo la fonte la buonuscita per Ramirez sarebbe intorno ai 15 milioni di euro; Rcs non fornisce alcuna indicazione in merito.   Continua...