Borsa Milano, avvio fiacco dopo Fed Usa, pesanti Pirelli, Tod's

giovedì 30 gennaio 2014 09:19
 

MILANO, 30 gennaio (Reuters) - Avvio di seduta debole a Piazza Affari che nelle prime battute risente dei cali di Wall Street dopo l'annuncio, anche se atteso, di un altro taglio di 10 miliardi degli stimoli mensile da parte della Fed Usa.

Sulle borse asiatiche ha pesato anche il debole dato sulll'attività del settore manifatturiero cinese, in contrazione per la prima volta in sei mesi.

Poco dopo l'avvio, l'indice FTSE Mib perde lo 0,25%, l'Allshare cede lo 0,19%%. Il benchmark europeo l'FTSEurofirst 300 arretra dello 0,3%.

Tra i singoli titoli, in evidenza negativa PIRELLI in calo del 5,6% dopo il balzo di ieri a fine seduta su indiscrezioni relative a trattative tra Tronchetti Provera e la divisione di private equity di Goldman Sachs sulla cessione della partecipazione della quota del gruppo della Bicocca, poi smentite dallo stesso Tronchetti.

Male anche TOD'S, in calo di quasi il 6% dopo i dati preliminari sul fatturato per il quarto trimestre che qualche analisti giudica sotto le attese.

In terreno negativo FIAT FIA.MI> (-0,6%) all'indomani della presentazione della struttura societaria della nuova Fiat Chrysler Automobiles (Fca) e dei conti del quarto trimestre . L'utile sotto le attese e l'assenza del dividendo hanno fortemente pesato sulla perdita di oltre il 4% delle quotazioni dl titolo ieri.

Bancari misti con BANCO POPOLARE a +1,2% mentre sul fronte opposto MEDIOBANCA e UNICERDIT cedono poco meno di un punto percentuale.

Rialzi per STM (+1,4%), TELECOM ITALIA (+1,1%) e qualche titolo del comparto energetico.

  Continua...