Electrolux, Fiom chiede intervento governo su vertenza

mercoledì 29 gennaio 2014 17:41
 

MILANO, 29 gennaio (Reuters) - Il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini, ha inviato una lettera al presidente del Consiglio Enrico Letta per chiedere un intervento urgente del governo nella vertenza con Electrolux, che nei giorni scorsi ha annunciato un drastico piano di tagli in Italia.

Il segretario della Fiom ricorda che il piano presentato dalla multinazionale "prevede la chiusura dello stabilimento di Porcia e il mantenimento degli stabilimenti di Susegana, Solaro e Forlì a condizioni inaccettabili" e che i dipendenti degli stabilimenti sono in sciopero.

"Il suo intervento è necessario e urgente; la vertenza Electrolux travalica il normale confronto tra le parti e il ruolo che può svolgere lo stesso Ministero dello Sviluppo Economico", si legge nella lettera inviata al presidente del Consiglio.

"Non chiediamo a lei e al governo mediazioni di carattere sindacale, chiediamo interventi e provvedimenti a sostegno delle produzioni, dell'occupazione e delle condizioni di vita e di lavoro delle persone", conclude la lettera.

In queste ore è in al ministero dello Sviluppo economico un tavolo sulla crisi dell'Electrolux.

Questa mattina anche Andrea Merloni, azionista ed ex presidente di Indesit, è intervenuto sulla vicenda.

"Secondo me siamo alle schermaglie iniziali... non può essere una proposta seria", ha detto ai cronisti che gli chiedevano un commento sul piano di tagli presentato da Electrolux.

A dicembre Indesit ha raggiunto un accordo con i sindacati su un piano di riorganizzazione dell'azienda che prevede numerosi esuberi, senza però ricorrere a licenziamenti ma ad ammortizzatori sociali e strumenti come i contratti di solidarietà.

  Continua...