Banca Etruria, obiettivo marzo per offerte vincolanti - fonti

martedì 28 gennaio 2014 17:41
 

MILANO, 28 gennaio (Reuters) - Banca Etruria prenderà nelle prossime settimane in esame le proposte di aggregazione da parte delle banche interessate con l'obiettivo di arrivare alla fase delle offerte vincolanti nel mese di marzo.

Lo dicono alcune fonti vicine al dossier, sottolineando che al momento non c'è una tempistica definita.

"Il procedimento è appena iniziato. In questa prima fase gli advisor raccoglieranno le richieste di manifestazioni di interesse non vincolanti in modo da potere avviare la due diligence", spiega una fonte.

"A marzo si potrebbe arrivare alle offerte vincolanti e quindi fare partire i negoziati", aggiunge.

Secondo indiscrezioni stampa, l'istituto aretino, con l'aiuto degli advisor Rothschild e Lazard, dovrebbe ricevere entro venerdì le manifestazioni di interesse non vincolanti e potrebbe convocare un Cda per la settimana prossima o più probabilmente per l'inizio della settimana successiva.

Tra i soggetti che potrebbero essere interessati all'integrazione - raccomandata dalla Banca d'Italia a seguito degli esiti delle ultime ispezioni - il mercato sembra puntare sul mondo delle popolari in modo da velocizzare il percorso.

In particolare, tra gli istituti quotati, i riflettori sono accesi su Pop Emilia.

L'AD dell'istituto emiliano, Luigi Odorici, ha detto che quella con Banca Etruria potrebbe essere un'operazione interessante visto che è presente in un territorio in cui l'istituto non ha una quota di mercato.

Ieri in un'intervista a Reuters, commentando su eventuali acquisizioni, l'AD ha precisato che i dossier saranno valutati con la massima attenzione agli impatti sul capitale che, allo stato, risulta adeguato e sopra la soglia minima regolamentare prevista senza ricorrere ad un aumento di capitale.   Continua...