Europa, sub sovrani periferici restano dipendenti da funding centrale-Moody's

martedì 28 gennaio 2014 10:27
 

MILANO, 28 gennaio (Reuters) - L'incremento delle opportunità sui mercati dei capitali è positivo per gli emittenti 'sub sovrani' dell'area core europea, che possono così diversificare le loro fonti di finanziamento, mentre quelli dell'area periferica rimangono dipendenti dai governi centrali.

È quanto sostiene l'agenzia di rating Moody's in una nota dedicata al funding dei 'sub sovereing' europei.

"Moody's si aspetta che le amministrazioni locali in Italia e Spagna continueranno a dipendere dal funding sovrano, soprattutto nel caso degli emittenti con rating più basso" si legge nella nota.

L'agenzia parla di un impatto "misto": le considerazione sulla disponibilità di fondi sovrani a basso costo vengono infatti bilanciate dall'esposizione ai cambiamenti delle politiche di finanziamento dei governi centrali.

"Nel medio termine Moody's vede un graduale ritorno ai mercati dei capitali per le regione autonome spagnole e qualche prospettiva per il finanziamento delle partnership pubblico-privato in Italia".

Per quel che riguarda invece gli emittenti dell'area 'core' europea Moody's nota un ritorno sui mercati dei capitali "in risposta ai vincoli di finanziamento dei governi centrali e al deleveraging delle banche".

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia