Rientro capitali, proventi a debiti Pa, comuni - Saccomanni

venerdì 24 gennaio 2014 19:51
 

ROMA, 24 gennaio (Reuters) - Il governo intende destinare alla liquidazione dei debiti commerciali e agli investimenti dei comuni i maggiori incassi dovuti all'emersione dei capitali detenuti illecitamente all'estero.

Lo ha detto il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

"È previsto che i proventi di questi rientri vengano utilizzati per rimborsare i debiti della Pa in conto capitale e per l'allentamento del patto di stabilità interno per gli investimenti", ha detto Saccomanni.

"Non si tratta di un condono né di un'amnistia, è un meccanismo innovativo che consente di ottenere la collaborazione di coloro che hanno esportato capitali all'estero senza dichiararli", ha detto il ministro illustrando la voluntary disclosure italiana.

"È una procedura che sostanzialmente non prevede sconti sulle imposte dovute né altre forme di condono. Prevede soltanto una riduzione delle sanzioni amministrative e una modifica della normativa per quanto riguarda le sanzioni di carattere penale", ha proseguito Saccomanni confermando buona parte dei contenuti della bozza entrata in Cdm.

(Giuseppe Fonte e Alberto Sisto)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia