Zona euro, crescita fragile e disomogenea ma no deflazione - Draghi

venerdì 24 gennaio 2014 18:46
 

DAVOS, 24 gennaio (Reuters) - Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, non vede per la zona euro il rischio di entrare in una spirale deflativa, ritiene però che la regione stia attraversando una fase di ripresa economica "debole, fragile e disomogenea".

Secondo gli ultimi dati Eurosta disponibili i prezzi al consumo della zona euro viaggiano al tasso annuo di 0,8%, ben lontano dall'obiettivo Bce di 'poco sotto 2%'.

Sempre a parere dell'inquilino dell'Eurotower, intanto, la politica "molto espansiva" della banca centrale sta finalmente raggiungendo l'economia reale.

"Un altro fenomeno che stiamo osservando negli ultimi tre/quattro mesi è che sia il miglioramento dei mercati finanziari sia la politica monetaria accomodante attiva ormai da fine 2011... stanno arrivando all'economia reale" dichiara al 'World Economic Forum' di Davos.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia