PUNTO 1-Carige, per Consob non conformi bilanci 2012, sem1, nessun effetto patrimonio

mercoledì 22 gennaio 2014 18:28
 

(Aggiunge dettagli da nota)

MILANO, 22 gennaio (Reuters) - Consob ha trasmesso a Banca Carige il 13 gennaio scorso la delibera di accertamento della non conformità del bilancio consolidato e d'esercizio 2012 e di quello consolidato semestrale al 30 giugno 2013.

L'istituto ligure non condivide il giudizio di Consob di non conformità e si riserva l'impugnazione del provvedimento, affermando inoltre, in una nota, che l'eventuale rettifica delle poste di bilancio ritenute non conformi "non produce alcun effetto monetario e non incide sul patrimonio di vigilanza né sul patrimonio tangibile della banca".

Carige, inoltre, ricorda che con il resoconto intermedio al 30 settembre 2013, gli impairment effettuati assorbono gli effetti derivanti dalle rettifiche richieste da Consob.

Nel mirino di Consob, tra le altre cose, l'utilizzo di un arco temporale di dieci anni per la valutazione della redditività delle unit Banca Carige Italia e Banca del Monte di Lucca non conforme allo Ias 36 perché "non sarebbe dimostrata la capacità dell'emittente di prevedere accuratamente flussi finanziari per un periodo superiore a cinque anni" e la valutazione della partecipazione in Banca d'Italia iscritta pro quota del patrimonio netto e non al costo.

In riferimento a Banca Carige Italia e Banca del Monte di Lucca, Carige ha riesposto i bilanci 2012 e del primo semestre 2013 con due diverse ipotesi (minima e massima) definite sulla base di risultati di impairment derivanti da valutazioni interne alla banca e non ancora sottoposte a Consob.

Nel 2012 la perdita dichiarata di 63,2 milioni salirebbe, nell'ipotesi massima pro forma, a 133,5 milioni, mentre nel primo semestre 2013 la perdita di 29,4 milioni salirebbe a 567,7 milioni nell'ipotesi minima e a 601,6 milioni in quella massima.

Nei primi nove mesi del 2013 Carige ha registrato una perdita netta di 1,3 miliardi dopo svalutazioni per 1,65 miliardi su avviamenti, di cui 666,8 milioni sulla quota Bankitalia.

In merito alla quota in Bankitalia, Carige precisa che al 30 settembre è stata iscritta al fair value sulla base della valutazione effettuata dalla stessa banca centrale il 30 novembre scorso.   Continua...