Finmeccanica, sindacati per cessione Ansaldo Sts e Breda unite

martedì 21 gennaio 2014 18:13
 

ROMA, 21 gennaio (Reuters) - I sindacati insistono che il governo, azionista di riferimento di Finmeccanica, obblighi la società a cedere le aziende del settore ferroviario, Ansaldo Sts e Ansaldo Breda, in una unica holding a Cdp e non a società straniere.

E' quanto si legge in una nota della Uilm nella quale si dice anche che l'azienda si è impegnata, nel corso di un incontro oggi con i rappresentanti dei lavoratori e con il ministero dello Sviluppo economico, a non chiudere l'impianto di Palermo di Ansaldo Breda.

"Abbiamo chiesto in tempi ravvicinati un incontro alla presidenza del Consiglio che determini scelte operative indispensabili ad un nuovo assetto societario del settore ferroviario. Insomma, stiamo parlando di Ansaldo Breda ed Ansaldo Sts unite in una holding controllata dalla Cassa depositi e prestiti che escluda cessioni di quote al mercato estero", scrive il segretario della Uilm Giovanni Contento.

Per quel che riguarda i quattro stabilimenti Breda la nota dice: "L'incontro di oggi tra le parti si è concluso con la dichiarazione esplicita da parte di Finmeccanica che non chiuderà alcun sito di Ansaldo Breda sul territorio nazionale, ivi compreso quello di Carini. Tale posizione esplicita è stata formalizzata in uno specifico documento sottoscritto dalla multinazionale, dal governo e dal sindacato".

In una audizione parlamentare, l'Ad di Finmeccanica Alessandro Pansa ha confermato l'intenzione di dismettere il settore ferroviario ma non ha fornito dettagli.

Da tempo ci sono contatti fra Finmeccanica e Ge Italia del gruppo americano Ge per la cessione di Sts.

"Preferisco non commentare su questo tema perché non c'è niente da commentare. Diventa molto speculativo, non è il caso", ha detto ieri Sandro De Poli, responsabile di Ge Italia rispondendo a una domanda sull'andamento delle trattative.

Sulle speculazioni sulla cessione delle due aziende, il titolo Finmeccanica ha oggi guadagnato in borsa il 3,51%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia