BORSE ASIA-PACIFICO-Indici in lieve rialzo, mossa Banca Cina calma mercati

mercoledì 22 gennaio 2014 08:44
 

INDICE                        ORE  8,30    VAR %    CHIUS. 2013
 ASIA-PAC.                        459,82     0,36       468,16
 TOKYO                         15.820,96     0,16    16.291,31
 HONG KONG                     23.072,66     0,17    22.656,92
 SINGAPORE                      3.134,55     0,03     3.167,43
 TAIWAN                         8.625,30     0,30     8.611,51
 SEUL                           1.970,42     0,33     2.011,34
 SHANGHAI COMP                  2.051,75     2,16     2.115,98
 SYDNEY                         5.319,77    -0,22     5.352,21
 MUMBAI                        21.295,15     0,21    21.170,68
 
    ROMA, 22 gennaio (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico sono in lieve
rialzo oggi, guidate dall'azionario cinese che ha messo a segno il miglior
risultato da due mesi, dopo che la Banca centrale della Cina ha immesso
liquidità allentando la pressione del credito in vista del nuovo anno lunare.
    Il dollaro resta forte, intorno ai livelli più alti da metà novembre contro
un paniere di valute, con molti investitori che si attendono che la Federal
Reserve la prossima settimana riduca ulteriormente il suo acquisto di bond.
    I titoli europei sono visti in leggero rialzo dopo che i barlumi di
ottimismo societario e i solidi dati sul sentiment tedesco ieri hanno
contribuito a far toccare i massimi da cinque anni e mezzo.
    A TOKYO l'indice Nikkei ha chiuso in rialzo a 15.820,96 punti dopo aver
toccato quota 15.631,41 sulla decisione della Banca del Giappone di mantenere
stabile la politica monetaria. Tokyo Steel Manufacturing Co Ltd balzata
in alto dopo la notizia di buoni risultati societari.
    Intorno alle 8,30 italiane l'indice Msci dell'area Asia-Pacifico
, che non comprende Tokyo, sale dello 0,36%. Il Nikkei ha
archiviato la seduta con un aumento dello 0,2%.
    Le borse cinesi hanno toccato i massimi da due settimane, estendendo un
rimbalzo che ha sollevato anche i mercati di Hong Kong.
    SHANGHAI ha chiuso a +2,6% a 2.243,8 punti, il rialzo giornaliero più alto
dallo scorso 18 novembre, dopo che lunedì aveva chiuso al livello più basso dal
9 luglio. A guidare il rialzo il settore immobiliare.
    Il volume di affari a HONG KONG rimane relativamente scialbo, ma nei volumi
di Shanghai a metà seduta aveva quasi superato il complessivo dell'intera
giornata di ieri, con gli investitori sollevati per i commenti del premier Li
Keqiang sul fatto che Pechino ha fiducia in una crescita economica "stabile"
quest'anno. Prada guadagna lo 0,41%.
    TAIWAN ritorna verso il massimo da due anni e mezzo toccato la scorsa
settimana, con gli investitori che si accaparrano titoli tech in una
contrattazione relativamente intensa in vista della pausa per il Nuovo anno
lunare, la settimana prossima.
    SEUL ha messo a segno il migliore risultato da tre settimane, in vista di
importanti risultati societari.
    Poco mosse SINGAPORE e MUMBAI.
    SYDNEY ha perso lo 0,2%, con i prezzi bassi del metallo industriale che
hanno indotto a vendere i titoli minerari, e il dato sull'inflazione superiore
alle previsioni che ha indebolito le prospettive di un taglio dei tassi.
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news
anche su www.twitter.com/reuters_italia