Borsa Milano chiude sopra quota 20.000, tonici bancari, balzo Finmeccanica

mercoledì 15 gennaio 2014 17:58
 

MILANO, 15 gennaio (Reuters) - Piazza Affari ha chiuso sopra quota 20.000, un livello che non si vedeva dal 7 luglio 2011, segnando così il ritorno ai livelli antecedenti alla crisi del debito sovrano.

A spingere gli indici sono stati soprattutto i titoli bancari, con l'indice di settore in rialzo del 2,95%.

"Eravamo positivi fin da questa mattina, così come le altre borse europee del resto, poi abbiamo accelerato con l'apertura di Wall Street", commenta un trader.

Il FTSEMib ha chiuso in rialzo dell'1,6%, a 20.045,76 punti, e l'Allshare è salito dell'1,49% a 21.289,65 punti, a fronte di un rialzo dello 0,96% dell'indice europeo FTSEurofirst 300.

Sulla piazza milanese volumi per 3,2 miliardi di euro.

* Tonici i bancari, in sintonia con lo stoxx di settore europeo. Resta più indietro rispetto agli altri MPS (+0,43%), che ieri ha visto la conferma dei vertici.

* Forte rialzo invece per POP MILANO, che con i recenti rialzi ritorna sui livelli della scorsa primavera. Gli investitori attendono la definizione del nuovo assetto di vertice, con la nomina di Giuseppe Castagna a nuovo AD che dovrebbe essere ufficializzata venerdì prossimo. A sostenere le quotazioni della popolare è anche la notizia della quotazione di AM Holding, controllante di Anima Sgr, di cui la popolare milanese è il secondo azionista con circa il 35% del capitale.

* In spolvero BANCO POPOLARE (+4,23%) seguita da INTESA SANPAOLO (+3,28%), MEDIOBANCA (+3%), UNICREDIT (+2,67%) e UBI (+2,96%). La notizia che nei prossimi stress test europei non ci sarà il mark-to-market sui bond sovrani è accolta bene dal mercato vista l'elevata esposizione delle banche italiane ai Btp e gli impatti negativi in caso di scenario avverso. "In questo momento a livello pratico l'impatto è trascurabile dato che sui titolo di stato italiani le banche non hanno grosse minusvalenze ma è comunque una buona notizia", commenta un trader.

* FINMECCANICA balza di oltre l'8% con un trader che parla della rottura di importanti livelli tecnici. Un altro operatore cita inoltre le dichiarazioni del Ceo di Airbus che ha affermato che è pronto per il consolidamento nel settore spazio e che è eventualmente disposto a discutere dell'acquisto della quota di minoranza in MBDA, la Jv nel settore missili con Finmeccanica e Bae. Jp Morgan ha ritoccato al rialzo il target price sul gruppo aerospaziale a 5,25 da 5,15 euro.   Continua...