15 gennaio 2014 / 14:38 / tra 4 anni

Kashagan, attesi a febbraio risultati test per data ripresa produzione

ALMATY, 15 gennaio (Reuters) - Il consorzio che sta sviluppando il gigantesco giacimento del Kashagan in Kazakistan, chiuso lo scorso ottobre per perdite dagli oleodotti, si aspetta di avere i risultati dei test e delle ispezioni necessarie a stabilire una data per la ripresa della produzione il mese prossimo.

Ci sono voluti 50 miliardi di dollari e tredici anni per avviare, lo scorso settembre, la produzione del Kashagan, la più grande scoperta petrolifera al mondo degli ultimi decenni e il più costoso progetto petrolifero indipendente.

I risultati dei test condotti su campioni di acciaio presso il laboratorio TWI in Gran Bretagna e presso altri laboratori specializzati sono attesi a fine gennaio o inizio febbraio secondo una nota del consorzio North Caspian Operating Company (NCOC), di cui fa parte anche Eni.

Gli altri azionisti, anch‘essi con quote del 16,8% ciascuna, sono Exxon, Royal Dutch Shell, Total e la società petrolifera pubblica kazaka KazMunaiGas. La giapponese Inpex ha il 7,56%, China National Petroleum Corp (CNPC) ha rilevato l‘8,33% l‘anno scorso quando è uscita ConocoPhillips.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below