Pirelli, Intesa manterrà invariata quota per strutturare deal ChemChina-Ceo

mercoledì 25 marzo 2015 14:36
 

MILANO, 25 marzo (Reuters) - Intesa Sanpaolo intende mantenere invariata la sua attuale quota detenuta indirettamente in Pirelli perché consente di strutturare meglio l'operazione con ChemChina.

Lo ha dichiarato il Ceo Carlo Messina a margine della presentazione del padiglione Expo della banca.

"Abbiamo ridotto la partecipazione l'anno passato in modo significativo. La componente che abbiamo oggi la manterremo perché consente di far strutturare meglio l'operazione", ha detto Messina.

Intesa è azionista di Pirelli tramite la holding Camfin che detiene il 26,1% del gruppo di pneumatici. Domenica è stata annunciata una complessa operazione per la quale il colosso cinese ChemChina, in accordo con gli azionisti di Camfin, acquisterà il controllo di Pirelli, tramite un'Opa totalitaria da 7,1 miliardi di euro, lasciando però la governance in mani italiane.

"Noi abbiamo sicuramente un ruolo di piccoli azionisti nella catena di comando della Pirelli e su questo diamo pieno supporto a Marco Tronchetti Provera e all'Opa che viene realizzata", ha proseguito Messina non escludendo che Intesa possa avere "ruoli di sostegno finanziario nel corso dell'Opa". "Su questo vedremo nelle prossime settimane", ha detto.

Messina ha poi aggiunto che vede "un grossissimo valore industriale in questa aggregazione".

Sul tema il direttore generale di Intesa Sanpaolo Gaetano Micciché ha spiegato che "l'operazione nasce da un'iniziativa di Tronchetti Provera ma noi siamo sempre stati informati".

"E' un'operazione molto brillante e dimostra che c'è una terza via per il capitalismo italiano, continuando a crescere, approfittando dell'interesse di altri partner e mantenendo la governance", ha aggiunto.

  Continua...