Mediobanca, richiesta risarcimento da Fondazione Mps per finanziamento 2011

martedì 7 ottobre 2014 13:48
 

MILANO, 7 ottobre (Reuters) - Mediobanca ha dodici cause pendenti in merito al mancato lancio dell'Opa su Fondiaria nel 2002 e una legata alla richiesta di risarcimento formulata dalla Fondazione Mps per una presunta responsabilità extracontrattuale in solido con altre banche per un finanziamento concesso a giugno 2011.

Lo si legge nella relazione al bilancio 2013-14 in cui si sottolinea che il fondo rischi e oneri, che al 30 giugno scorso era pari a poco più di 150 milioni di euro, "fronteggia adeguatamente gli eventuali oneri connessi" alle cause a carico di Mediobanca o di società del gruppo in essere.

La richiesta complessiva di risarcimento da parte della Fondazione Mps è di 286 milioni, mentre sulla mancata Opa Fondiaria è di 108,3 milioni di cui 37 milioni a carico di Mediobanca.

Nel corso dell'esercizio 2013-14 sono state chiuse quattro cause sulla mancata Opa su Fondiaria del 2002, quando la compagnia si fuse con la Sai della famiglia Ligresti. Tre sono state chiuse in via extragiudiziale e una per prescrizione.

Altre cause in corso riguardano la richiesta di risarcimento per 134,4 milioni nell'ambito dei fallimenti Burani e le richieste di risarcimento dei danni, senza alcun atto di citazione, conseguenti alla perdita di valore delle azioni Fondiaria-Sai, Milano Assicurazioni, Unipol e Premafin a seguito delle operazioni di salvataggio e riorganizzazione del 2011-2012.

Al 30 giugno il gruppo presentava anche 29 pratiche di contenzioso per maggiori imposte accertate di 72,6 milioni. Il gruppo, tuttavia, "convinto della correttezza del proprio operato" ha ritenuto di non iscrivere accantonamenti nel fondo rischi e oneri e ha impugnato tutti i provvedimenti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia