BORSE EUROPA - Indici peggiorano su dati fiducia consumatori Usa

martedì 30 giugno 2009 16:21
 

                                indici             chiusura
                             alle 16,15     var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.424,57    -0,52    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        855,66    -0,46      831,97
DJ Stoxx banche          179,74    -0,29      149,51
DJ Stoxx oil&gas         286,89    -0,11      264,50
DJ Stoxx tech            171,43    -0,29      152,86
---------------------------------------------------------------
 MILANO, 30 giugno (Reuters) - Le borse europee sono
leggermente negative negli scambi del pomeriggio, sulla scia di
 Wall Street, positiva in avvio, che ha tagliato i guadagni dopo
i dati sulla fiducia del consumatori Usa a giugno, peggiori
delle attese.
 Pesa sui listini europei l'andamento del settore alimentare
e della grande distribuzione con Carrefour (CARR.PA: Quotazione), che ha
azzerato i guadagni, mentre salgono i titoli farmaceutici
guidati dal rimbalzo di Sanofi-Aventis SAYS.PA dopo le forti
vendite della scorsa settimana.
 "I mercati rimarranno ingessati nel range che abbiamo visto
nelle ultime settimane, caratterizzate da grande volatilità e
bassi volumi, mentre gli investitori sono in attesa di maggiore
visibilità", osserva Victor Peiro Perez, capo strategist di Caja
Madrid.
 "Questo potrebbe continuare almeno fino a quando non abbiamo
i risultati del secondo trimestre e gli outlook delle società
quotate", aggiunge.
 L'indice europeo al termine della seduta potrebbe segnare il
rialzo record del 17% in un trimestre - la migliore performance
dal 1999. Il FTSEurofirst 300 però è ancora in calo del 47%
rispetto ai livelli segnati di metà anno nel 2007.
 Anche se il rally ha perso spinta nelle ultime settimane gli
investitori continuano a versare capitali sui mercati.
 Un'indagine Reuters pubblicata oggi ha mostrato che i
gestori di fondi dell'Europa continentale hanno investito cash
in azionario a livello massimo da agosto scorso.
 L'indagine elaborata da 14 società di investimento ha
mostrato che le partecipazioni in equity sono salite al 47,1%
del portafoglio questo mese contro il 45,9% di maggio.
 Intorno alle 16,15 il FTSEurofirst 300 .FTEU3 cede lo 0,6%
circa. Sulle singole piazze, il Ftse 100 .FTSE cede lo 0,51%,
mentre il Dax GDAXI lo 0,6% e il Cac-40 .FCHI lo 0,96%.
 
 Tra i titoli in evidenza:  
 * CARREFOUR (CARR.PA: Quotazione), il secondo retailer al mondo, cede
oltre il 2% sul disappunto per il fatto che la società fino ad
ora non ha ancora annunciato un serio programma di taglio dei
costi, dice un analista a Parigi. Altri gruppi legati alla
grande distribuzione come TESCO (TSCO.L: Quotazione), HEINEKEN (HEIN.AS: Quotazione) e
UNILEVER (UNc.AS: Quotazione) cedono tutte tra l'1,7 e l'1,9%.
 * I farmaceutici guadagnano terreno con SANOFI-AVENTIS
SAYS.PA che avanza dell'1,46%, tagliando parte delle recenti
perdite, e GLAXOKLINESNMITH (GSK.L: Quotazione) che sale dell'1,18%.
 * Bene anche i petroliferi  sulla scia dei rialzi del
greggio CLc1 che oggi ha superato i 72 dollari ala barile per
poi ripiegare leggermente. TULLOW OIL <TLW.L, BP (BP.L: Quotazione) e TOTAL
(TOTF.PA: Quotazione) guadagnano tutte tra lo 0,5% e l'1,35%.
 * In paticolare Q-CELLS QCEG.DE balza di oltre il 4,3%
sulle indiscrezioni di un interesse da parte di SIEMENS
(SIEGn.DE: Quotazione), non confermato dalla società.
 * Sul fronte dei rialzi anche i bancari , che
avanzano dello 0,30% sostenute da BARCLAYS (BARC.L: Quotazione) e UBS
UBSN.VX che avanzano intorno al 2%.
 * Nel settore la francese CREDIT AGRICOLE CARG.PA cede
oltre il 2,7%, titolo pecggiore della borsa di Parigi. Ubs ha
riconfermato il giudizio "sell" sulla banca che ha abbassato del
35% le proprie stime relative al fatturato 2009 che tiene conto
del ramo greco Emporiki e degli aggiustamenti dellla
partecipazione in INTESA (ISP.MI: Quotazione).
 * Sotto pressione YELL YELL.L, che cede oltre il 10%  dopo
che l'editore di pagine gialle britanniche ha annunciato un
nuovo processo di ristrutturazione dei quasi 6,6 miliardi di
dollari di debito, solo otto mesi dopo la rinegoziazione dei
suoi covenant. Il piano include il riscadenzamento e la
rinegoziazione dei termini delle proprie linee di credito.
 * La britannica YOUGOV (YOU.L: Quotazione) cede oltre il 4,6% dopo che
Charles Stanley securities ha valutato la società con il giudizio
"reduce" nell'amito di uno studio sulle società di ricerca di
mercato.
 * Debole EADS EAD.PA dopo che un Airbus A310 della Yemenia
Airways si è schiantato al largo delle isole Comore nell'Oceano
Indiano.