BORSE EUROPA - Indecise dopo cali ieri, recuperano banche

giovedì 29 ottobre 2009 10:18
 

                               indici              chiusura
                            alle   9,45     var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.774,35    -0,13    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        980,05    -0,02      831,97
DJ Stoxx banche          221,97    +0,94      149,51
DJ Stoxx oil&gas         312,89    -1,33      264,50
DJ Stoxx tech            178,16    +0,13      152,86
---------------------------------------------------------------
  LONDRA, 29 ottobre (Reuters) - Borse europee al palo,
indecise tra segno più e segno meno, con energetici pesanti e
banche in ripresa dopo le vendite di ieri.
 Questo il quadro delle maggiori piazze del Vecchio
Continente, all'indomani dell'ennesimo calo a Wall Street e in
attesa dei nuovi dati macro.
 In agenda da Bruxelles, tra l'altro, la fiducia di imprese e
consumatori; da Washington le stime sul Pil del terzo trimestre
e le nuove richieste di sussidi settimanali alla disoccupazione.
 "Il mercato teme soprattutto i numeri sul Pil, ieri le
vendite di nuove case non sono state brillanti", dice uno
strategist della NCB Stockbrokers.
 Alle 9,45 l'indice Ftse Eurofirst 300 .FTEU3 è piatto,
come il Dj Stoxx .STOXX e - sui singoli mercati - il Ftse 100
.FTSE, il Cac-40 .FCHI e il Dax tedesco .GDAXI.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Ancora lettera sugli energetici, oggi condizionati
negativamente dai risultati di ROYAL DUTCH SHELL (RDSa.L: Quotazione) ed ENI
(ENI.MI: Quotazione). Stabile il futures sul greggio CLc1, intorno ai 77
dollari/barile.
 * Bancari in ripresa dopo una partenza fiacca, con HSBC
(HSBA.L: Quotazione), BNP PARIBAS (BNPP.PA: Quotazione) e STANDARD CHARTERED (STAN.L: Quotazione)
che guadagnano tra lo 0,5% e l'1%.
 * In lieve rialzo i tech, tra cui si distingue
ALCATEL-LUCENT ALUA.PA alla vigilia dei risultati del
trimestre.
 * Tra i titoli minori perde il 7% TOMTOM (TOM2.AS: Quotazione), che ieri
aveva già perso il 24% per i timori legati al nuovo software
smartphone che Google (GOOG.O: Quotazione) sta per implementare.