RPT - BORSE EUROPA - Pesanti su timori banche Usa, influenza

martedì 28 aprile 2009 12:04
 

                                indici              chiusura
                             alle 11,05     var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.261,56    -2,41    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        797,18    -2,03      831,97
DJ Stoxx banche          155,01    -3,21      149,51
DJ Stoxx oil&gas         270,55    -0,4       264,50
DJ Stoxx tech            165,78    -2,62      152,86
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 28 aprile (Reuters) - Borse in forte calo stamani in
Europa: riaffiorano i timori per la solidità del sistema
bancario americano e si sommano alla preoccupazione per le
possibili conseguenze sull'economia della diffusione
dell'influenza suina.
 A soffrire non sono tuttavia solo finanziari e, come ieri,
il comparto Travel and Leisure , condizionato dall'attesa
di una riduzione dei viaggi per paura del contagio. Ad accusare
le perdite più sensibili sono i titoli legati alle materie prime
, anche se i petroliferi contengono il ribasso. Pesante
anche l'auto, zavorrata da DAIMLER (DAIGn.DE: Quotazione) che ha previsto
una nuova perdita nel secondo trimestre.
 Intorno alle 11 l'indice paneuropeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 perde il 2% circa mentre, tra i singoli listini, il Dax
di Francoforte .GDAXI cede il 2,4%, il Cac 40 parigino .FCHI
il 2,4% e il Ftse 100 londinese .FTSE l'1,8%.
     
 Tra i titoli in evidenza:
* Le anticipazioni del Wsj sui risultati degli "stress test"
condotti su Bank of America (BAC.N: Quotazione) e Citigroup (C.N: Quotazione) hanno
riacceso le vendite sui bancari: UBS UBSN.VX cede il 4%, BNP
Paribas (BNPP.PA: Quotazione) il 4,2% e Barclays (BARC.L: Quotazione) il 3,7% dopo che,
secondo il quotidiano, le autorità americane avrebbero
comunicato ai due istituti che potrebbero dover ricapitalizzare.
 * Ma non aiutano neppure le trimestrali di Deutsche Bank
(DBKGn.DE: Quotazione) (-6%) e della spagnola BBVA (BBVA.MC: Quotazione) (-3,4%) che
confermano le difficoltà del settore. L'istituto tedesco ha
accusato svalutazioni per 1,5 miliardi e la seconda banca
spagnola ha visto gli utili ridursi del 14% nei primi tre mesi
dell'anno, erosi dalle sofferenze.
 * Si replicano le vendite sulle compagnie aeree con British
Airways BAY.L in calo del 4,6% e Ryanair (RYA.I: Quotazione) del 3,9%.
 * Sotto pressione anche il lusso: Richemont CFR.VX cede il
5,45%, Burberry (BRBY.L: Quotazione) il 5,3% e LVMH (LVMH.PA: Quotazione) il 3,6%.
 * Resiste intorno alla parità il comparto farmaceutico con
GlaxoSmithKline (GSK.L: Quotazione) in rialzo di 1,8% e Roche ROG.VX dello
0,7%.
 * In controtendenza la danese VESTAS (VWS.CO: Quotazione) dopo che il
primo gruppo al mondo nella produzione di turbine eoliche ha
annunciato un primo trimestre superiore alle previsioni. Il
titolo si contraddistingue tra i pochi positivi nel settore oil
and gas , dove i risultati spingono anche BP (BP.L: Quotazione).