BORSE EUROPA - Indici in calo, influenza fa salire farmaceutici

lunedì 27 aprile 2009 16:17
 

                                indici              chiusura
                             alle 16,10     var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.293,96    -1,12    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        805,69    -0,58      831,97
DJ Stoxx banche          158,35    -1,25      149,51
DJ Stoxx oil&gas         267,92    -1,50      264,50
DJ Stoxx tech            169,46    -1,28      152,86
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 27 aprile (Reuters) - I mercati stanno reagendo con
pessimismo alla notizia del dilagare della nuova influenza
esplosa in Messico provocando già la morte di almeno 100
persone.
  "L'effetto sul mercato dovrebbe essere temporaneo, sebbene
nessuno sia ancora in grado di dire quello che succederà",
commenta Arthur Van Slooten, strategist di Societe Generale a
Parigi.
 "La paura di una pandemia aggiungerà ulteriore debolezza al
commercio mondiale. Abbiamo visto come ai tempi della Sars
l'indice abbia perso molti punti e si trattava di un momento
positivo per le borse", aggiunge Justin Urquhart Stewart di
Seven Investment Management.
 L'unico settore che guadagna nell'emergenza è quello dei
farmaceutici SXDP, in deciso rialzo a +2,5%, mentre le
compagnie aeree  sono le più colpite (-3,3%) per il
rallentamento dei voli verso le aree colpite e per la richiesta
lanciata dai governi a livello internazionale di non recarsi
nelle zone a rischio.
 Intorno alle 16,10 l'indice paneuropeo FTSEurofirst 300
.FTEU3 perde lo 0,5% circa mentre, tra i singoli listini, il
Dax di Francoforte .GDAXI cede lo 0,85%, il Cac 40 parigino
.FCHI lo 0,84% e il Ftse 100 londinese .FTSE lo 0,47%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Le principali compagnie aeree europee sono finite nel
bersaglio delle vendite, con AIR FRANCE-KLM (AIRF.PA: Quotazione) a -7,5%,
BRITISH AIRWAYS BAY.L a -8,42%, LUFTHANSA (LHAG.DE: Quotazione) a -9,51%,
IBERIA IBLA.MC a -6% e la low cost RYANAIR (RYA.I: Quotazione) a -4,4%.
 * Nel settore alberghiero, è penalizzato il francese ACCOR
(ACCP.PA: Quotazione) a -3,8%, mentre perdono terreno le compagnie di
viaggio: THOMAS COOK (TCG.L: Quotazione) cede il 5%, TUI TRAVEL TT.L il
2,2% e TUI (TUIGn.DE: Quotazione) il -4%.
 * Giornata da dimenticare anche per il gruppo CARNIVAL
(CCL.L: Quotazione), che offre crociere nel Golfo del Messico, a -7,17% e
per il gruppo INTERCONTINENTAL (IHG.L: Quotazione) a -4,4%.
 * Unica nota positiva della giornata è il settore
farmaceutico su cui si concentrano le speranze per vaccini e
trattamenti contro il virus. La svizzera ROCHE ROG.VX sale del
3,5%, l'inglese GLAXOSMITHKLINE (GSK.L: Quotazione) di quasi il 5%.
 * Da malattie e paure che di volta in volta distolgono
l'attenzione da suini, bovini e volatili approfitta il salmone.
MARINE HARVEST (MHG.OL: Quotazione), numero uno mondiale della piscicultura,
mette a segno un rialzo di oltre il 6% sul rialzo del prezzo del
salmone. E' successo anche ai tempi dell'aviaria e della mucca
pazza, dicono i trader.