BORSE EUROPA - Indici in calo con oil, pesano tensioni politiche

martedì 26 maggio 2009 09:43
 

                                  indici              chiusura
                             alle  9,35     var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.411,68    -1,13    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        849,89    -0,91      831,97
DJ Stoxx banche          178,33    -1,20      149,51
DJ Stoxx oil&gas         287,47    -0,95      264,50
DJ Stoxx tech            168,19    -0,70      152,86
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 26 maggio (Reuters) - Le borse europee sono negative
a inizio seduta, condizionate dall'intensificarsi delle tensioni
politiche dopo che la Corea del Nord ha lanciato altri due
missili a corto raggio. Gli indici ripiegano così ancora un po'
dopo un rally che li ha fatti crescere di circa un terzo da
inizio marzo.
Intorno alle 9,35 il FTSEurofirst 300 .FTEU3 cede lo 0,91%
dopo due chiusure negative nelle ultime tre sedute.
 Sulle singole piazze nazionali, Londra .FTSE è in calo
dello 0,74% dopo la pausa festiva di ieri; Parigi .FCHI
arretra dell'1,19% e Francoforte .GDAXI dell'1,36%.
 La politica di Pyongyang ha riportato il tema del rischio
politico tra i fattori che pesano sui mercati, ma - sottolineano
gli analisti - gli investitori mantengono un atteggiamento
attendista. "Siamo bloccati nel mezzo del nulla, tra una media
mobile a 200-giorni e una a 30-giorni, con gli investitori
riluttanti a prendere posizione prima che si delinei un trend
chiaro", dice Thierry Lacraz, gestore della banca svizzera
Pictet. "Mi aspetto che i fatti riguardanti la Corea del Nord
pesino sui mercati uno o due giorni, non di più. I mercati sono
in attesa di dati macroeconomici, di nuovi annunci, e i volumi
sono molto calati nelle ultime tre settimane", aggiunge.
 Oggi l'appuntamento clou sul fronte macro è il dato sulla
fiducia dei consumatori Usa.   
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Scendono i titoli energetici come BP (BP.L: Quotazione), Royal Dutch
Shell (RDSa.AS: Quotazione) e Total (TOTF.PA: Quotazione) sulla scia dell'indebolimento
del greggio CLc1. 
 * Affonda Danone (DANO.PA: Quotazione) di quasi il 7% dopo aver
annunciato ieri a sorpresa un aumento di capitale da circa 3
miliardi di euro per abbattere il debito e finanziarie
acquisizioni.    
 * In calo Rio Tinto (RIO.L: Quotazione) dopo un accordo con Nippon Steel
di un taglio dei prezzi del ferro di un terzo.