BORSE EUROPA - Partenza indecisa, pesanti assicurativi con ING

lunedì 26 ottobre 2009 10:26
 

                               indici              chiusura
                            alle 10,20     var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.888,90    +0,1     2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.008,46    -0,04      831,97
DJ Stoxx banche          232,86    -0,72      149,51
DJ Stoxx oil&gas         317,51    +0,1       264,50
DJ Stoxx tech            185,64    -0,04      152,86
---------------------------------------------------------------
  LONDRA, 26 ottobre (Reuters) - Avvio indeciso sulle piazza
azionarie del Vecchio Continente: i bancari hanno azzerato i
guadagni delle prime battute per virare in territorio negativo;
ma il comparto più pesante è quello degli assicurativi 
con l'olandese ING ING.AS a picco dopo l'annuncio di una
scissione e di un aumento di capitale da 7,5 miliardi di euro
per rimborsare parte degli aiuti di stato. In tenuta i
petroliferi nonostante il greggio perda terreno per la terza
seduta consecutiva, sotto gli 80 dollari al barile CLc1.
 Intorno alle 10,20 l'indice Ftse Eurofirst 300 .FTEU3 è
poco mosso. A Londra il Ftse 100 .FTSE sale dello 0,14%, a
Francoforte il Dax .GDAXI avanza dello 0,4% e a Parigi il Cac
40 dello 0,2%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * In grande spolvero ELECTROLUX (ELUXb.ST: Quotazione) dopo che il
secondo maggiore produttore di elettrodomestici del mondo ha
annunciato un terzo trimestre largamente migliore delle stime.  
 * Modestamente positivo il comparto auto , dove
RENAULT (RENA.PA: Quotazione) balza di un abbondante punto percentuale dopo
la promozione di Nomura a "buy" da "neutral".     
 * La debolezza di BRITISH AIRWAYS BAY.L deprime il FTSE
100: sul titolo pesa un downgrade di Deutsche Bank a "sell";
oggi, inoltre, il Financial Times scrive che la compagnia,
insieme a IBERIA IBLA.MC e American Airlines AMR.N potrebbe
essere costretta a rinunciare ad alcuni slot per ottenere il
semaforo verde dell'antitrust Ue ad una proposta di alleanza. I
titoli delle due compagnie europee sono i peggiori del settore
turistico  che si segnala fra i più deboli della regione.
 * In evidenza la norvegese REC (REC.OL: Quotazione): il titolo del
produttore di apparecchiature per la produzione di energia
solare sale sulle attese che il nuovo governo in Germania - suo
mercato chiave - proceda ad una riduzione dei sussidi più
contenuta del previsto al settore del solare.