BORSE EUROPA - Indici limano perdite dopo dati Usa, bene tech

martedì 26 agosto 2008 16:13
 

                               indici              chiusura
                            alle 15,50     var%       2007
---------------------------------------------------------------
  DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   3.271,18     -0,28    3.711,03
  FTSEurofirst300 .FTEU3      1.163,29     -0,50    1.314,42
  DJ Stoxx banche          281,84     -0,77      337,67
  DJ Stoxx oil&gas         368,82     -0,92      435,73
  DJ stoxx tech            244,08     +1,07     249,25 
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 26 agosto (Reuters) - Le piazze europee riduce le
perdite nel tardo pomeriggio grazie ai dati Usa e in
concomitanza con il recupero di di Wall Street che aveva aperto
in ribasso
 Alle 16 il FtsEurofirst .FTEU3 cede lo 0,1% a 1.167,78
punti. In mattinata i mercati sono stati colpiti dai dati
relativi all'Ifo tedesco inferiori alle attese  e nuovi timori
relativi al fatto che società finanziarie diano il via a vendite
di asset divenuti rischiosi.
 Nel pomeriggio poi l'indice di fiducia dei consumatori Usa,
ai massimi da maggio, ha un po' risollevato i listini.
 "La mia opinione è che questa volatilità continuerà a
rimanere elevata e continueranno i movimenti laterali (dei
mercati) che abbiamo visto di recente", ha commentato Philip
Isherwood, economista di Dresdner Kleinwort.
 "C'è un ridotto rischio inflazione ma un grande rischio
economico e relativo agli utili e questo tiene a freno i
mercati", ha aggiunto.
 I prezzi del greggio più bassi hanno allentato i timori per
l'inflazione e nel lungo termine potranno aiutare i mercati, ma
negli scambi di oggi hanno favorito il calo del settore
energetico e petrolifero  che cede intorno l'1%. In
ribasso  anche i titoli delle materie prime  e il settore
auto  che cedono rispettivamente l'1,98% e lo 0,96%.
  Rimane sotto pressione il settore bancario ,in calo
intorno allo 0,6%  su timori per la crescita economica globale e
per il settore finanziario colpito dalla crisi del settore
immobiliare Usa.
 "Ci sono troppe banche e non abbastanza business", ha detto
Justin Urquhart-Stewart, direttore degli investimenti di 7
Investment Management.
 "Ulteriori problemi sono previsti nel settore immobiliare
americano e gli investitori si aspettano ancora di toccare il
fondo", ha aggiunto.
  In uno scenario profondamente negativo, i titoli
tecnologici  sono tra i pochi ad avanzare, guadagnando
l'1,3%.
  Alle 16 circa le principali piazze europee vedono l'indice
inglese FTSE 100 .FTSE in calo dell'1,02, il tedesco Dax
.GDAXI vira in positivo e segna +0,46% e il francese Cac 40
.FCHI cede lo 0,14%
   
 Tra i titoli in  evidenza:
 
 * Scendono i minerari, colpiti dal calo del prezzo delle
materie prime. XSTRATA XTA.L, RANDGOLD (RRS.L: Quotazione), ANGLO AMERICAN
(AAL.L: Quotazione), BHP BILLITON (BLT.L: Quotazione) e KAZAKHMYS (KAZ.L: Quotazione) perdono tutti
tra il 2,6% e il 3,5%. 
 * L'atmosfera negativa ha influenzato anche RIO TINTO
(RIO.L: Quotazione) che cede intorno al 2,5% nonostante abbia comunicato
risultati migliori delle attese con utili del primo semestre in
crescita del 55%.
 * Tra gli energetici scambiano in ribasso  BP (BP.L: Quotazione), ROYAL
DUTCH SHELL (RDSa.L: Quotazione), TULLOW OIL (TLW.L: Quotazione), BG GROUP BG.L, che
cedono tutti tra l'1,8% e il 2,8%.
 * Con il segno meno LLOYDS TBS (LLOY.L: Quotazione), ROYAL BANK OF
SCOTLAND (RBS.L: Quotazione), STANDARD CHARTERED (STAN.L: Quotazione), BANK OF IRELAND
(BKIR.I: Quotazione) che cedono tutte tra il 2 e il 3,7%.
  * CREDIT SUISSE CSGN.VX prende il controllo di Asset
Management Finance Corporation acquisendone l'80% per 384
milioni di dollari. La banca svizzera perde quasi l'1,8%.
 * Sul fronte dei rialzi, la britannica AXON GROUP AXO.L è
balzata di oltre il 20% sulle attese di una contro offerta del
valore di 407 milioni di sterline (753 milioni di dollari) a
Infosys Technologies (INFY.BO: Quotazione) per l'acquisizione della società.
 *ELAN ELN.I sale di oltre il 10%, dopo la revisione
dell'ammonimento contro il farmaco Tysabri, prodotto insieme a
Biogen Idec (BIIB.O: Quotazione). La casa farmaceutica irlandese era scesa
drasticamente dall'annuncio del 31 luglio che alcuni pazienti a
cui era stato prescritto il farmaco avevano sviluppato una
malattia fatale al cervello.
 * In denaro anche la svedese NOKIA NOK1V.HE che ha
presentato i due modelli di telefoni cellulari N79 e N85,  per
contrastare la concorrenza crescente di Apple e Samsung. I due
modelli di cellulari saranno in vendita a partire da ottobre e
saranno dotati di fotocamera da 5 megapixel e giochi.