BORSE EUROPA - Indici giù su calo fiducia in economia e dati Ifo

martedì 26 agosto 2008 10:11
 

                               indici              chiusura
                            alle 10,00     var%       2007
---------------------------------------------------------------
  DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   3.254,11     -0,80    3.711,03
  FTSEurofirst300 .FTEU3      1.154,78     -1,23    1.314,42
  DJ Stoxx banche          280,22     -1,34      337,67
  DJ Stoxx oil&gas         366,82     -1,39      435,73
  DJ stoxx tech            241,57     +0,23      249,25 
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 26 agosto (Reuters) - Le piazze europee hanno aperto
in calo, estendendo le perdite della seduta di ieri, mentre non
accennano ad attenuarsi le preoccupazioni sull'economia mondiale
e, in particolare, sulla salute del sistema finanziario.
 Ad aumentare il pessimismo degli investitori e a far
peggiorare ulteriormente gli indici europei arriva in mattinata
l'indagine mensile Ifo sul clima economico tedesco, largamente
inferiore alle attese. Il dato segue la pubblicazione
dell'indice sulla fiducia dei consumatori in Germania Gfk che ad
agosto è scivolato più delle attese, ai minimi di 5 anni.
 Attorno alle 10 l'indice che raggruppa le banche 
registra un brusco calo, di oltre l'1,2%, e non conseguono una
performance migliore i titoli energetici  e quelli delle
materie prime  in ribasso rispettivamente dell'1,34% e
del 2,45%.
 Vanno male anche le società di retail  e l'indice
delle società di trasporti , in uno scenario
profondamente negativo, interrotto soltanto dai titoli
tecnologici  che avanzano timidamente in territorio
positivo. 
 Sul fronte macro, gli investitori focalizzeranno la loro
attenzione sui dati, previsti nel pomeriggio, sulle vendite di
case negli Usa, che daranno indizi sullo stato del settore
immobiliare americano, duramente colpito in quest'anno dalla
crisi dei mutui subprime.
 Alle 10,00 circa le principali piazze europee vedono
l'indice inglese FTSE 100 .FTSE in calo del 2,35%, dopo la
chiusura di ieri per una festività nazionale, mentre il tedesco
Dax .GDAXI e il francese Cac 40 .FCHI sono in perdita
rispettivamente dello 0,83 e dell'1,28%.
 Alla stessa ora il contratto del greggio sul Nymex a ottobre
CLc1 guadagna 41 centesimi a 115,52 dollari al barile, mentre
l'analoga scadenza sul Brent registra un rialzo di 47 centesimi
a 114,50 dollari.
 
 Tra i titoli in  evidenza:
 
 * Scendono i minerari, colpiti dal calo del prezzo delle
materie prime. XSTRATA XTA.L, RANDGOLD (RRS.L: Quotazione), ANGLO AMERICAN
(AAL.L: Quotazione), BHP BILLITON (BLT.L: Quotazione) e KAZAKHMYS (KAZ.L: Quotazione) perdono tutti
dal 3 al 2%.
 * DRAGON OIL DGO.I sale di quasi il 3% dopo aver
registrato nei giorni scorsi un aumento del 35% negli utili
operativi del primo semestre.
 
 * CAIRN ENERGY (CNE.L: Quotazione) guadagna oltre il 3,5% dopo aver
registrato nel primo semestre risultati positivi. L'AD Bill
Gammell ha detto che la società petrolifera sta lavorando per
distribuire greggio dal Rajasthan nella seconda metà del 2009.
 
 * ELAN ELN.I sale di oltre l'8% dopo la revisione
dell'ammonimento contro il farmaco Tysabri, prodotto insieme a
Biogen Idec (BIIB.O: Quotazione). La società farmaceutica irlandese era
scesa drasticamente dal 31 luglio, dopo aver svelato che alcuni
pazienti che avevano utilizzato il farmaco avevano sviluppato
una malattia al cervello, solitamente fatale.
 
 * BOIZEL CHANOINE CHAMPAGNE BCCP.PA ha registrato nel
primo semestre una crescita del 4,8% del suo giro d'affari, a
108 milioni di euro.
Il produttore di champagne francese sale sull'annuncio di
oltre l'1%.
 
 * CREDIT SUISSE CSGN.VX prende il controllo di Asset
Management Finance Corporation, comprando una quota dell'80% per
384 milioni di dollari. La banca svizzera perde quasi il 2%.
 * OC OERLIKON OERL.VX perde quasi il 3% sulla scia di una
perdita netta nel primo semestre di 313 milioni di franchi
svizzeri. Il gruppo tecnologico svizzero dopo un'apertura
positiva vira nettamente in territorio negativo.