BORSE EUROPA-Indici vicini a parità, bene energetici e commodity

venerdì 25 settembre 2009 10:19
 

                               indici              chiusura
                            alle 10,00   var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.828,37    -0,35    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        983,97    -0,29      831,97
DJ Stoxx banche          231,77    -0,77      149,51
DJ Stoxx oil&gas         302,13    +0,05      264,50
DJ Stoxx tech            189,70    -0,84      152,86
---------------------------------------------------------------
  LONDRA, 25 settembre (Reuters) - Le borse europee si muovono
vicine alla parità negli scambi della mattinata, dopo aver
toccato il minimo da due settimane la vigilia. Gli energetici in
rialzo sulla scia del greggio CLc1 che passa di mano intorno
ai 66 dollari al barile bilanciano i finanziari più deboli.
 "L'outlook a medio termine è ancora molto positivo, ma nel
brevissimo, dobbiamo essere più cauti. Il mercato è leggermente
ipercomprato e ha bisogno di fare una  pausa per poter
raggiungere nuovi massimi", dice Roman Boscher,  responsabile
investimenti di Groupama Asset Managment.
 Migliori del paniere sono gli energetici e i minerari,
frenano banche e finanziari, tech e settore immobiliare.
  Intorno alle 10,00 il FTSEurofirst 300 cede lo 0,29%. Sui
singoli mercati il Ftse 100 britannico .FTSE è piatto, il Dax
tedesco .GDAXI cede lo 0,6% e il Cac 40 francese .FCHI lo
0,47%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
  
 * Gli energetici sono tra i migliori del paniere e traggono
beneficio dal greggio CLc1 che passa di mano attorno ai 66
dollari al barile. Tra le big del settore BG BG.L, BP (BP.L: Quotazione),
ROYAL DUTCH SHELL (RDSa.L: Quotazione), TULLOW OIL (TLW.L: Quotazione) guadagnano tra
tra lo 0,4 e l'1,6%.
  
 * Sugli scudi anche i minerari , con BHP BILLINTON
BHP.L in progresso dell'1,62%, ANGLO AMERICAN (AAL.L: Quotazione) dell'1%
e LOMIN (LMI.L: Quotazione) dello 0,7%.
 
 * Frenano le banche , con BARCLAYS (BARC.L: Quotazione), ROYAL
BANK OF SCOTLAND (RBS.L: Quotazione), COMMERZBANK (CBKG.DE: Quotazione) cedono tra lo
0,6 e l'1,1%. JULIUS BAER BAER.VX perde il 4,62% dopo
l'annuncio della strategia che include possibili acquisizioni in
Svizzera e all'estero.
 
 * Tra i singoli titoli, ROBERT WALTERS (RWA.L: Quotazione) cede oltre il
3% dopo che Altium Securities ha abbassato il giudizio a "sell"
da "hold".
 * La casa farmaceutica NICOX (NCOX.PA: Quotazione) guadagna oltre il 3%
a Parigi, dopo aver inoltrato alla Fda americana un dossier per
una nuova applicazione del supo farmaco naproxcinod contro
l'artrosi.
 
 * VEOLIA ENVIRONNEMENT (VIE.PA: Quotazione) guadagna l'1,45% su
indiscrezioni stampa che indicano un possibile interesse di EDF
(EDF.PA: Quotazione) a portare al propria quaota in Veolia al 14% dopo la
nomina di Henri Progli al vertice del gruppo.
 
 * In calo rispettivamente dell'1,5% e dell'1,6% ALSTOM
(ALSO.PA: Quotazione) e SCHNEIDER (SCHN.PA: Quotazione), dopo che la giapponese Toshiba
ha presentato un'offerta migliore per l'acquisto di AREVA T&D
CEfi.PA (+3,09%) a cui le due società puntavano.
 
 * Sul fronte dei ribassi anche VALLOUREC (VLLP.PA: Quotazione),
specializzata in tubi in acciaio, che cede quasi il 3% a Parigi.
 
 * La società specializzata in test genetici QUIAGEN
(QGEN.DE: Quotazione) scivola dell'1,5% dopo l'annuncio che il pricing delle
nuove azioni che verranno emesse tramite aumento di capitale.