BORSE EUROPA - Deboli e sottili senza Londra e Usa, giù Porsche

lunedì 25 maggio 2009 15:35
 

                                  indici              chiusura
                             alle 15,20     var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.425,63    -0,32    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        855,03    -0,11      831,97
DJ Stoxx banche          179,71    -0,33      149,51
DJ Stoxx oil&gas         289,29    -0,48      264,50
DJ Stoxx tech            168,75    +0,42      152,86
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 22 maggio (Reuters) - Le borse europee sono
leggermente negative nel primo pomeriggio in una seduta dagli
scambi sottili per la chiusura per festività dei mercati
britannici e statunitensi.
 Intorno alle 15,20 l'indice Ftse Eurofirst 300 .FTEU3 cede
lo 0,1%. Sulle singole piazze nazionali Parigi .FCHI arretra
dello 0,25% e Francoforte .GDAXI dello 0,6%.
 "I mercati nel Regno Unito e negli Stati Uniti sono chiusi e
manca la spinta per un movimento più forte", commenta Heinz-Gerd
Sonnenschein di Postbank. "Almeno in Germania abbiamo le notizie
di Porsche e Arcandor che influenzano la borsa. Neanche l'indice
Ifo ha portato quello che alcuni investitori forse speravano".
 La lettura più debole delle attese dell'Ifo di maggio - a
84,2 contro aspettative per 85 - suggerisce che le imprese del
paese continuano a faticare.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Il settore più pesante è quello degli automobilistici
(-1,3%) guidati da PORSCHE (PSHG_p.DE: Quotazione) con un calo oltre il 3%
dopo la conferma di un prestito da 700 milioni di euro da parte
di VOLKSWAGEN (VOWG.DE: Quotazione).
 * La tedesca ARCANDOR (AROG.DE: Quotazione) cede quasi il 16% dopo che
presidente e ceo hanno ribadito la necessità di aiuti di stato
per assicurare la sopravvivenza della società. 
 * La francese SAINT-GOBAIN (SGOB.PA: Quotazione) arretra dell'1,75% dopo
che due banchieri hanno riferito a Reuters che la società cerca
un finanziamento da 2 miliardi di euro.
 * Sul fronte opposto, CLUB MEDITERRANEE CMIP.PA balza di
oltre il 10%% sulla scia di una promozione a "outperform" da
"neutral" da parte di Exane BNP Paribas, che cita minori
preoccupazioni sul debito, un miglioramento delle prenotazioni
estive e cessioni di asset.