BORSE EUROPA - Indici in calo su banche, prese profitto e Cina

martedì 25 agosto 2009 10:30
 

                               indici             chiusura
                             alle 10,10    var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.766,95    -0,41    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        971,06    -0,42      831,97
DJ Stoxx banche          229,40    -0,84      149,51
DJ Stoxx oil&gas         301,83    -0,64      264,50
DJ Stoxx tech            176,50    -0,59      152,86
---------------------------------------------------------------
  MILANO, 25 agosto (Reuters) -  Nei primi scambi della
mattinata le borse europee si muovono in territorio negativo
sulla scia dei listini asiatici, ripiegando rispetto al massimo
da 10 mesi toccato la viglia.
 "Abbiamo già sperimentato l'euforia. (Il calo degli indici)
è dovuto a prese di profitto e ai timori per la Cina", commenta
David Buik, partner di BGC Partners. "Non vedo una correzione
importante ... prima che le persone non rientrino dalle
vacanze", aggiunge.
 A suscitare preoccupazione le dichiarazioni del premier
cinese Wen Jibao, che ieri a mercati chiusi ha espresso
preoccupazioni per l'economia e appesantito i listini, con
Shanghai .SSEC che termina a -2,6% dopo aver toccato quota -5%
nel corso della seduta.    
 Le banche sono tra le peggiori in Europa, sulla scia dello
scivolone dell'analogo settore negli Usa provocato dopo che
l'esperto Richard Bove ha dichiarato che in America nel corso
della crisi falliranno ancora tra 150 e 200 istituti di credito.
 In calo anche i minerari e gli energetici, sulla scia del
greggio che in mattinata scivola sotto i 74 dollari al barile.
Gli analisti di JP Morgan Europe hanno declassato il settore
minerali e metalli a "neutral".
 Intorno alle 10,10 l'indice europeo FTSEurofirst cede lo
0,42%. L'inglese Ftse .FTSE è in calo dello 0,38%, il tedesco
Dax .GDAXI dello 0,37% e il francese Cac 40 .FCHI dello
0,32%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * In rosso le banche , con BNP PARIBAS (BNPP.PA: Quotazione), UBS
UBS.VX, BARCLAYS (BARC.L: Quotazione), LLOYDS (LLOY.L: Quotazione) in calo tra l'1,2%
e l'1,9%.
 * NATIXIS (CNAT.PA: Quotazione) resterà sospesa oggi. Les Echos ha
scritto di una garanzia formale della controllante Banque
populaire caisse d'Epargne (BPCE) su miliardi di asset tossici
della banca, che al momento ha 35 miliardi di euro di attivo non
liquido. Oggi si riuniranno i Cda delle due banche e i risultati
del secondo trimestre verranno anticipati a domani.
 * Tra i minerari  in calo dell'1,8%, ANTOFAGASTA
(ANTO.L: Quotazione), KAZAKHMYS (KAZ.L: Quotazione), BHP BILLINTON (BLT.L: Quotazione), XSTRATA
XTA.L in flessione tra l'1,8 e il 3,3%.
 * Il gruppo irlandese CRH (CRH.I: Quotazione) (CRH.L: Quotazione), specializzato in
materiali da costruzione, è in calo di oltre l'1% a Londra,
nonostante abbia annunciato buone previsioni di crescita per la
sua divisione Usa. Gli investitori sembrano più attenti al lento
ritmo di avanzamento dei cantieri.
 * Sugli scudi VODAFONE (VOD.L: Quotazione), che sale di oltre l'1,8%,
dopo che JP Morgan ha rivisto il giudizio del settore telco a
"overweight" e consigliato l'acquisto del titolo. Il broker ha
ache consigliato esposizioni su France Telecom FTE.PA e KPN
(KPN.AS: Quotazione), che salgono rispettivamente dell'1,82% e dell'1,32%.
  * TUI TIUGn.DE guadagna oltre il 9%, tra i titoli
migliori a Francoforte, dopo che Morgan Stanley ha rivisto il
suo giudizio sul settore del turismo a "overweight" da "equal
weight" e portato la società a "overweight" per la prima volta
da 10 anni.     
 * Nelle energie rinnovabili NORDEX NDXGk.DE è in progresso
di circa il 3,7% dopo dati trimestrali migliori delle attese.
 
 * Il gruppo PUNCH TAVERNS (PUB.L: Quotazione), il maggiore gestore di
pub britannico, vola di oltre l'8% dopo aver annunciato un
taglio di spesa maggiore delle attese di 1 miliardo di sterline,
nonostante le difficili condizioni di mercato.