BORSE EUROPA - Indici incerti su minerari e indebolimento banche

martedì 24 marzo 2009 15:30
 

                               indici              chiusura
                              alle 15,30   var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.118,80    -0,10    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        737,44    +0,22      831,97
DJ Stoxx banche          128,15    -1,23      149,51
DJ Stoxx oil&gas         259,00    -1,14      264,50
DJ Stoxx tech            145,66    +1,01      152,86
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 24 marzo (Reuters) - Dopo un giro sull'ottovolante,
l'apertura negativa di Wall Street indebolisce le borse europee
che scivolano in rosso.
 A pesare sui listini sono specialmente i minerari ,
con l'indice in calo di oltre il 3,5%, mentre sulle banche
incidono le preoccupazioni per un rallentamento della crescita
asiatica dopo il calo del 58% degli utili del quarto trimestre
di Bank of China (3988.HK: Quotazione).
 ANTOFAGASTA (ANTO.L: Quotazione) cede l'8,6%, ANGLO AMERICAN (AAL.L: Quotazione) il
7,3%, RIO TINTO (RIO.L: Quotazione) il 5%.
 "Il piano Geithner è certamente un passo nella direzione
giusta, ma non è un miracolo. Bisogna vedere se funzionerà
davvero", commenta Philippe Gijsels, strategist di Fortis a
Bruxelles, cercando di spiegare il motivo del raffreddamento
dell'entusiasmo sui mercati all'indomani di un forte rialzo.
 Intorno alle 15,30 l'indice paneuropeo FtseEurofirst 300
.FTEU3 cede lo 0,22% mentre, tra i singoli listini Londra
.FTSE segna un -1,46%, Parigi .FCHI -0,37% e Francoforte
.GDAXI -0,04%.
 Tra i titoli in evidenza:
 * Avanzano contrastate le banche dopo aver portato ieri a
casa forti guadagni: ROYAL BANK OF SCOTLAND (RBS.L: Quotazione) sale del
3,6%, BARCLAYS (BARC.L: Quotazione) cede l'1,81% mentre UBS UBSN.VX è in
lieve rialzo dello 0,5%.
 * CREDIT SUISSE CSGN.VX perde l'1,4%. L'istituto chiederà
all'assemblea degli azionisti la delega per aumentare, se
necessario, il proprio capitale.
 * Sono i risultati negativi di Bank of China a pesare
sull'istituto inglese HSBC (HSBA.L: Quotazione) che cede oltre il 5%. La
banca, quotata anche a Hong Kong, teme un rallentamento della
crescita asiatica.
 Il gruppo tedesco METRO (MEOG.DE: Quotazione), numero quattro mondiale
della distribuzione, perde il 2,18% dopo aver ammesso che la
crescita delle vendite quest'anno sarà inferiore di quanto
inizialmente previsto.
 * Balza invece del 9% ALCATEL-LUCENT ALUA.PA dopo essere
stato scelto da China Unicom per dei lavori di telefonia mobile
di terza generazione in 14 province cinesi.
 * DEUTSCHE BANK (DBKGn.DE: Quotazione) avanza del 3,3% dopo essersi
mostrata ottimista su una possibile ripresa del settore bancario
nel 2010.
 * E' ancora in perdita di oltre il 42% DAWSON HOLDINGS
DWN.L dopo aver comunicato che i maggiori clienti non
rinnoveranno i contratti. Per la società media si tratta di una
perdita annua di ricavi per 139 milioni di sterline.