BORSE EUROPA - Indici negativi con finanziari, pesa Wall Street

venerdì 23 gennaio 2009 16:26
 

                                indici              chiusura
                              alle 16,10    var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.118,65     -1,92    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        750,68     -1,55      831,97
DJ Stoxx banche          114,79     -3,07      149,51
DJ Stoxx oil&gas         252,88     -0,47      264,50
DJ Stoxx tech            144,44     -1,11      152,86
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 23 gennaio (Reuters) - Le borse europee proseguono
pesanti, toccando il livello più basso degli ultimi sei anni e
spazzando via quello che era rimasto di una traballante ripresa
dai minimi del 21 novembre.
 Gli investitori vendono a piene mani bancari e assicurativi
sui timori di perdite più consistenti, mentre la notizia dagli
Usa di utili General Electric (GE.N: Quotazione) in linea con le attese ha
dato al mercato un sollievo soltanto momentaneo. La partenza
negativa di Wall Street contribuisce ad aggravare l'intonazione
della giornata.
 Intorno alle 16,10 l'indice FTSEurofirst 300 arretra
dell'1,5%, dopo aver raggiunto livelli non più visti da aprile
2003 e viaggiando in territorio negativo per la dodicesima
seduta nelle ultime 13. 
  Dopo un breve movimento rialzista nelle prime sessioni
dell'anno, il benchmark adesso cede circa il 10% nel 2009 dopo
un meno 45% del 2008.
 Tra i singoli listini l'indice Ftse 100 britannico .FTSE
perde lo 0,8%, il tedesco Dax .GDAXI l'1,6% e il francese CAC
.FCHI l'1,8%.
  A livello settoriale negativi anche i petroliferi sulla
scorta del ritracciamento delle quotazioni del greggio.
 Tengono invece i farmaceutici dopo la notizia dagli Usa che
Pfizer (PFE.N: Quotazione), il numero uno al mondo del settore per ricavi, è
in trattative per acquistare la rivale Wyeth WYE.N.


 Tra i titoli in evidenza:


 * Nel comparto bancario BARCLAYS (BARC.L: Quotazione) lascia sul terreno
oltre il 14%, di nuovo appesantita da timori sulla necessità di
nuovo capitale o di una nazionalizzazione nonostante i tentativi
dell'AD di calmare gli investitori.
 * Debole anche FORTIS FOR.BR FOR.AS che ha preannunciato
forti perdite per il 2008.
 * In controtendenza i tre principali gruppi di supermercati
britannici quotati dopo che JP Morgan ne ha alzato i target
price e le stime di vendite. SAINSBURY (SBRY.L: Quotazione) guadagna lo
0,3%, WM MORRISON (MRW.L: Quotazione) il 2,2% e TESCO (TSCO.L: Quotazione) lo 0,7%.