BORSE EUROPA - Indici deboli con tech e tlc, pesa avvio Wall St.

giovedì 22 gennaio 2009 15:49
 

                                indici              chiusura
                              alle 15,35    var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.180,94     -0,34    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        767,87     -0,17      831,97
DJ Stoxx banche          119,64     +1,43      149,51
DJ Stoxx oil&gas         259,13     +1,62      264,50
DJ Stoxx tech            148,11     -1,94      152,86
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 22 gennaio (Reuters) - Si sgonfia nel primo
pomeriggio il rimbalzo delle borse europee, con i listini
appesantiti da farmaceutici, telefonici e tech.
 A zavorrare l'azionario del vecchio continente è anche
l'avvio negativo di Wall Street dopo dati macro che hanno
evidenziato un ulteriore deterioramento del mercato del lavoro e
di quello immobiliare.
 Sui mercati continuano a dominare i timori sull'economia
anche alla luce di una difficile stagione di risultati societari
e di fosche previsioni sugli utili futuri.
 Deludenti aggiornamenti sull'andamento del business
affossano in particolare Nokia NOK1V.HE e British Telecom
(BT.L: Quotazione).
 Intorno alle 15,35 l'indice FTSEurofirst 300 arretra dello
0,2%. A Londra l'indice Ftse-100 .FTSE guadagna lo 0,66%
mentre a Francoforte il Dax .GDAXI è in calo dello 0,2% e a
Parigi il Cac .FCHI scende di un frazionale 0,05%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 
 * NOKIA NOK1V.HE lascia sul terreno quasi il 7% sulla scia
di utili e ricavi del quarto trimestre sotto le attese del
mercato. Il gruppo ha detto di aspettarsi per quest'anno una
contrazione di circa il 10% per il mercato dei cellulari.
 * BT (BT.L: Quotazione) cede più del 10% dopo l'annuncio che il terzo
trimestre è stato colpito da oneri a BT Global Services.
 * Tra le banche COMMERZBANK (CBKG.DE: Quotazione) sale di oltre il 6%,
LLOYDS BANKING GROUP (LLOY.L: Quotazione) di più del 14% e UBS UBSN.VX del
5% circa, in un comparto europeo che rimbalza dell'1,4%, sotto i
massimi intraday.
 * Brilla il gruppo assicurativo e bancario belga KBC
(KBC.BR: Quotazione), +51% dopo l'annuncio di un'iniezione di 2 miliardi di
euro da parte del governo fiammingo. Il titolo aveva perso circa
il 63% nelle quattro sedute precedenti.
 * HSBC (HSBA.L: Quotazione) sale del 3,7% dopo l'annuncio che la banca
non ha piani per un imminente aumento di capitale.
 * Le banche irlandesi rimbalzano dopo la recente ondata di
vendite in un mercato che sembra credere alla rassicurazioni del
governo sul fatto che non ci saranno altre nazionalizzazioni nel
settore. ALLIED IRISH BANKS (ALBK.I: Quotazione)ALBK.L sale del 7% e IRISH
LIFE & PERMANENT IPM.IIPM.L del 2%, ma BANK OF IRELAND
(BKIR.I: Quotazione)(BKIR.L: Quotazione) cede oltre il 6%.
 * UNILEVER (ULVR.L: Quotazione) accusa un calo superiore al 2% dopo che
Dresdner Kleinwort ne ha tagliato il rating a "hold" da "buy".