BORSE EUROPA - Indici giù con bancari, male Ericsson dopo conti

giovedì 22 ottobre 2009 16:13
 

                               indici              chiusura
                            alle 16,00     var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.887,88    -1,67    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.010,16    -1,53      831,97
DJ Stoxx banche          234,34    -2,39      149,51
DJ Stoxx oil&gas         318,23    -1,73      264,50
DJ Stoxx tech            184,02    -2,49      152,86
---------------------------------------------------------------
  LONDRA, 22 ottobre (Reuters) - I risultati deludenti di
Ericsson (ERICb.ST: Quotazione) e le prese di beneficio dopo la recente
corsa appesantiscono le borse europee.
 A dettare il tono nel primo pomeriggio sono anche le notizie
provenienti dagli Usa, dove le richieste settimanali di sussidi
di disoccupazione sono salite più del previsto contribuendo
all'avvio stentato di Wall Street.
Intorno alle 16,00 l'indice Ftse Eurofirst 300 .FTEU3 cede
l'1,5%. A Londra il Ftse 100 .FTSE perde l'1,3%, a Francoforte
il Dax .GDAXI è in calo dell'1,8% e il Cac 40 parigino lascia
sul campo l'1,9%.
 A livello settoriale pesanti i bancari, penalizzati anche
dai cali accusati ieri da alcune rivali Usa. Scivolano i
petroliferi sulla scia del ritracciamento del greggio e i
minerari per la flessione delle quotazioni dei metalli.
 
 I titoli in evidenza:
 * ERICSSON lascia sul campo il 7% dopo che il gruppo ha
annunciato utili operativi più deboli del previsto e una
flessione delle vendite, colpite dalla crisi economica globale.
La rival ALCATEL-LUCENT ALUA.PA cede il 2,6%.
 * Tra i bancari spicca il calo di oltre il 4% di CREDIT
SUISSE CSGN.VX. La banca svizzera, che ha annunciato risultati
sopra le aspettative, è tuttavia colpita dai timori sulla sua
capacità di mantenere la forte performance.
 * In controtendenza, balza del 2% il gruppo di beverage
PERNOD RICARD (PERP.PA: Quotazione), che ha annunciato una contrazione del
del giro d'affari più contenuta delle previsioni nel primo
trimestre 2009-2010. 
 * Sempre nel comparto food and beverage NESTLE' NESN.VX
mette a segno un progresos superiore al 2% dopo l'annuncio che
il gruppo sta accelerando il programma di buyback. La società ha
anche comunicato vendite dei nove mesi in linea con le attese e
ha mantenuto invariato l'outlook 2009.
 * A picco del 6,5% il gruppo di tecnologie per media THOMSON
TMS.PA che ha annunciato vendite in calo del 20% nel terzo
trimestre, confermando che proseguono le trattative per la
cessione di Grass Valley.
 * SWATCH UHR.VX e il gruppo del lusso RICHEMONT CFR.VX
flettono dopo che la domanda per gli orologi svizzeri a
settembre è diminuita del 26%. La contrazione è tornata ad
aumentare dopo l'attenuazione registrata nei due trimestri
precedenti.