BORSE EUROPA - Indici estendono calo, giù banche e petroliferi

mercoledì 21 gennaio 2009 10:06
 

                                indici              chiusura
                              alle 10,00    var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.172,40     -1,29    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        763,74     -1,39      831,97
DJ Stoxx banche          111,21     -3,32      149,51
DJ Stoxx oil&gas         255,65     -2,3       264,50
DJ Stoxx tech            149,70     +2,09      152,86
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 21 gennaio (Reuters) - Le borse europee estendono il
calo rispetto all'avvio portando le perdite oltre l'1%,
trascinate al ribasso da energetici e bancari.
 "Il rally legato a Barack Obama in cui speravamo appare
tristemente come un affare mancato. Il settore bancario è in
condizioni di grave preoccupazione", commenta Justin Urquhart
Stewart, direttore di Seven Investment Management.
 Gli energetici soffrono con il calo del prezzo del petrolio
CLc1 sotto i 41 dollari al barile sui timori che una profonda
recessione possa raffreddare a lungo la domanda energetica.
 Intorno alle 10 l'indice FTSEurofirst 300 cede l'1,72%. Tra
i singoli listini, il britannico Ftse .FTSE perde l'1,07%, il
Cac 40 francese .FCHI è in calo del 2% e il Dax tedesco
.GDAXI segna una flessione dell'1,59%.
 Tra i titoli in evidenza:
 
 * CREDIT SUISSE CSGN.VX perde oltre il 4% dopo che un
giornale svizzero ha scritto di una possibile perdita 2008 fino
a 6 miliardi di franchi.
 * Brilla SOCIETE' GENERALE (SOGN.PA: Quotazione) dopo aver comunicato di
prevedere per il passato esercizio circa 2 miliardi di utili e
un Tier 1 all'8,5%.
 * ERICSSON (ERICb.ST: Quotazione) balza dell'11% grazie a risultati
trimestrali superiori alle stime degli analisti, in termini di
utile operativo. Il gruppo di tlc ha anche detto che proseguirà
la politica di taglio dei costi.
 * Il progresso di CONTINENTAL (CONG.DE: Quotazione) sfiora il 10%.
Aiutano indiscrezioni stampa secondo cui la società Schaeffler,
azionista con il 49,9%, potrebbe prendere il controllo di
Continental.