BORSE EUROPA - Indici estendono calo con finanziari

lunedì 21 settembre 2009 16:35
 

                               indici              chiusura
                            alle 16,25   var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.856,24    -1,07    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        996,01    -1,04      831,97
DJ Stoxx banche          233,51    -1,87     149,51
DJ Stoxx oil&gas         308,90    -1,13     264,50
DJ Stoxx tech            194,67    -0,10      152,86
---------------------------------------------------------------
  MILANO, 21 settembre (Reuters) - Le borse europee estendono
le perdite della mattina, ritracciando dai recenti massimi e
portando il FTSEurofirst 300 .FTEU3 sotto i 1.000 punti in un
clima di prudente distanza dagli asset rischiosi in vista degli
appuntamenti settimanali con la Federal Reserve e con il G20. 
 Contribuiscono alla debolezza delle borse l'avvio negativo
di Wall Street e il calo dei prezzi delle materie prime.
 L'indice di volatilità VDAX-NEW  è balzato del 6% a
un massimo settimanale. Più alto è l'indice, che si basa sulle
opzioni sell e buy sui primi 30 titoli di Francoforte
<0#.GDAXI>, più bassa è la propensioe al rischio. 
 Intorno alle 16,15 il FTSEurofirst 300 cede l'1,2% a 993,99
punti; l'indice era salito sopra i 1.000 punti mercoledì e il
giorno dopo aveva toccato un massimo annuale a 1.013,63.
 Dai minimi di marzo ha recuperato il 55% e in questo
trimestre è salito del 17,4%. "Abbiamo avuto un momento molto
positivo per l'azionario sull'onda di notizie macroeconomiche
prevalentemente positive", osserva Edmund Shing di BNP Paribas
da Parigi. "Ci sono alcuni segnali che certi settori sensibili
che hanno sovraperformato stiano ora invertendo il trend".
 L'inglese Ftse 100 .FTSE cede l'1,03%, il tedesco Dax
.GDAXI l'1,2% e l'indice francese Cac 40 .FCHI lo 0,84%.
 Tra i titoli in evidenza:
 * I finanziari sono tra i titoli più colpiti dalle vendite,
con Standard Chartered (STAN.L: Quotazione), HSBC (HSBA.L: Quotazione), Barclays
(BARC.L: Quotazione), Lloyds (LLOY.L: Quotazione), BNP Paribas (BNPP.PA: Quotazione), Societe
Generale (SOGN.PA: Quotazione) e KBC Groep (KBC.BR: Quotazione) tutti in deciso ribasso.
 * Royal Bank of Scotland (RBS.L: Quotazione) cede oltre il 6% dopo che
una fonte ha parlato nel week end di contatti in corso con gli
investitori per trovare sostegno a un "modesto" collocamento di
titoli per 3-4 miliardi di sterline.
 * Deboli i minerari , in particolare Bhp Billiton
(BLT.L: Quotazione) che, secondo il Wall Street Journal, starebbe pensando a
utilizzare parte della sua cassa per fare shopping.
 *  Volkswagen (VOWG.DE: Quotazione) cede oltre il 3%. Una pubblicazione
di settore, Automobilwoche, cita un manager anonimo della
giapponese Suzuki Motor (7269.T: Quotazione) secondo il quale il gruppo
tedesco potrebbe rilevare una quota di Suzuki entro fine anno.