BORSE EUROPA - Indici deboli su manovra Fed, giù banche e Sony

venerdì 20 marzo 2009 15:57
 

                               indici              chiusura
                              alle 15,50   var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.035,24    -0,21    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        714,59    -0,06      831,97
DJ Stoxx banche          118,39    -2,54      149,51
DJ Stoxx oil&gas         255,39    +0,92      264,50
DJ Stoxx tech            142,92    -4,09      152,86
----------------------------------------------------------------
 MILANO, 20 marzo (Reuters) - Dopo un giro sull'ottovolante,
le borse europee avanzano deboli, mentre continuano a tenere
banco le reazioni alla nuova manovra economica della
Federal Reserve.
 In forte rosso i bancari, colpiti dalle prese di profitto e
dai timori su una possibile impennata dell'inflazione a lungo
termine dopo la mossa della Fed. Male anche i titoli auto
 e i tecnologici, affossati dal warning di Sony - mentre
il settore chimico  e quello minerario  mettono a
segno un +2%.
 Intorno alle 15,50 l'indice paneuropeo FtseEurofirst 300
.FTEU3 è piatto, mentre, tra le singole borse, Londra .FTSE
segna un +0,52%, Parigi .FCHI +0,15% e Francoforte .GDAXI
-0,12%.
 Tra i titoli in evidenza:
 * Sono le banche a portare a casa oggi la performance
peggiore: BARCLAYS (BARC.L: Quotazione) cede il 7,4% dopo che gli analisti
di Morgan Stanley hanno affermato che la banca potrebbe essere
costretta a ricorrere nuovamente a un aumento di capitale. ROYAL
BANK OF SCOTLAND (RBS.L: Quotazione) cede l'1,2%, SOCIETE' GENERALE
(SOGN.PA: Quotazione) lo 0,24%, HSBC (HSBA.L: Quotazione) oltre il 7%.
 * SONY ERICSSON (ERICb.ST: Quotazione) accentua le perdite, lasciando
sul campo nel pomeriggio quasi il 10%. Il lancio di un warning
sul primo trimestre, con una perdita stimata di 340-390 milioni
di euro, ha spinto in rosso anche NOKIA NOK1V.HE, a -5,6%, e
INFINEON (IFXGn.DE: Quotazione), a -7,3%.
 * SANTANDER (SAN.MC: Quotazione) cede oltre il 3% nel pomeriggio,
accusando i piani del presidente venezuelano Hugo Chavez di
nazionalizzare la controllata al 98% Banco de Venezuela.
 * La società farmaceutica tedesca BAYER BAYG.DE continua a
festeggiare il via libera da parte di un panel americano al suo
anticoagulante Xarelto. Nel pomeriggio balza di oltre il 6,4%.