BORSE EUROPA - Indici in caduta, pesano Anglo American e Ubs

venerdì 20 febbraio 2009 15:30
 

                               indici              chiusura
                              alle 15,15     var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.028,71     -4,02    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        738,87     -3,34      831,97
DJ Stoxx banche          109,87     -6,23      149,51
DJ Stoxx oil&gas         265,56     -3,31      264,50
DJ Stoxx tech            142,05     -3,26      152,86
----------------------------------------------------------------
 FRANCOFORTE, 20 febbraio (Reuters) - Le borse europee sono
in netto calo nel primo pomeriggio, ai minimi da sei anni, sui
timori di altri aumenti di capitale e ulteriori affanni nel
settore industriale a causa della crisi economica.
 "L'attuale flusso di cattive notizie ha aumentato
l'avversione al rischio degli investitori", sintetizza un
broker. "La chiave per un rapido cambio del clima non è in
vista", aggiunge.
 Intorno alle 15,15 il FTSEurofirst 300 .FTEU3 perde il
3,34%, dopo avere toccato i mimini da marzo 2003.
 A pesare sono ancora una volta i finanziari, al centro loro
malgrado dell'attenzione degli investitori per la fragilità che
avvolge da tempo il comparto.
 Tra i singoli listini l'inglese Ftse 100 .FTSE scende del
2,9% il tedesco Dax .GDAXI del 4% e il francese Cac 40 .FCHI
del 3,55.
 
 Tra i titoli in evidenza:
* Resta nel mirino degli investitori UBS UBSN.VX dopo
essere stata costretta a rompere uno dei capisaldi del sistema
bancario svizzero, vale a dire la riservatezza sugli intestatari
dei conti. Il titolo scende del 13% dopo la richiesta del fisco
americano di conoscere l'identità di 52.000 clienti sospettati
di evasione fiscale, evidenziando come i problemi per la banca
svizzera non si siano conclusi con l'accordo di mercoledì.
 * La rivale CREDIT SUISSE CSGN.VX perde il 9%
 * Il mercato premia l'assicuratore SWISS LIFE SLHN.VX con
un rialzo di oltre il 10%, per l'annuncio di una base solida di
capitale alla fine del 2008 e utili netti per 340 milioni di
franchi svizzeri.
 * SAINT GOBAIN (SGOB.PA: Quotazione) cede il 17% dopo l'annuncio a
sorpresa  di un aumento di capitale da 1,5 miliardi di euro.
 * Il gruppo minerario ANGLO AMERICAN (AAL.L: Quotazione) arretra di
oltre il 15% dopo aver sospeso lo stacco del dividendo per
conservare liquidità dopo utili per azione nel 2008 in calo
dell'1%, al di sotto delle attese degli analisti. Il gruppo
taglierà 19.000 posti di lavoro.
 * La crisi non aiuta gli operatori del settore turistico,
con CLUB MED CMIP.PA che cede il 3,2% dopo aver rivelato un
calo del 4% delle prenotazioni nella stagione invernale e ricavi
in rialzo soltanto dell'1,9% nel primo trimestre dell'anno.
 * Giornata nera per CATTLES CTT.L in calo di oltre il 51%
dopo il lancio di un profit warning e la decisione di ritardare
la pubblicazione dei risultati.
 * Male anche AXA (AXAF.PA: Quotazione) perde oltre il 15%, penalizzato
da uno studio di un broker dopo che i risultati del gruppo
assicurativo non hanno allontanato i timori di un aumento di
capitale. 
 * In lettera anche il settore petrolifero, con l'indice
europeo in ribasso di oltre il 2%, sulla scia del ribasso del
4,5% del prezzo del petrolio. BP (BP.L: Quotazione), Royal Dutch Shell
(RDSb.L: Quotazione) e Total (TOTF.PA: Quotazione) perdono fr al',18% e il 3,5%.