BORSE EUROPA - Indici positivi, deboli banche e petroliferi

martedì 20 gennaio 2009 10:09
 

                                indici              chiusura
                              alle 10,00    var%        2008
----------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.263,73     +0,5     2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        789,71     -0,19      831,97
DJ Stoxx banche          122,70     -1,07      149,51
DJ Stoxx oil&gas         261,05     -1,18      264,50
DJ Stoxx tech            152,33     -0,01      152,86
----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 20 gennaio (Reuters) - Le borse europee si muovono
tutto sommato positivamente, nonostante un po' di indecisione
dalle banche e una debolezza marcata dei petroliferi.
 Sui titoli legati alle materie prime pesano i ribassi di
greggio e prezzo dei metalli.
 Intorno alle 10 l'indice FTSEurofirst 300 cede lo 0,2%. Tra
i singoli listini, il britannico Ftse .FTSE viaggia in rialzo
dello 0,59%, il Cac 40 francese .FCHI avanza dello 0,47% e il
Dax tedesco .GDAXI segna un progresso dello 0,45%. Ieri borse
in deciso calo, con l'indice FTSEurofirst 300 in rosso
dell'1,6%, trascinate da Royal Bank of Scotland (RBS.L: Quotazione).
 Tra i titoli in evidenza:
 
 * RBS oggi rimbalza del 23% circa dopo il crollo della
vigilia, provocato dall'annuncio di una perdita record nel 2008
nella storia della Gran Bretagna.
 * Progresso vicino al 7% per CONTINENTAL (CONG.DE: Quotazione) su voci
stampa di un avvicendamento nel consiglio di sorveglianza che
alimentano attese di M&A.
 * Forte METRO (MEOG.DE: Quotazione) alle prese con un programma di
ristrutturazione che secondo il broker Lang&Scwarz prevede
disinvestimenti nelle divisioni non redditizie e riduzioni di
personale.
 * AIR FRANCE-KLM (AIRF.PA: Quotazione) cede il 5% circa dopo aver
avvertito che il terzo trimestre fiscale potrebbe chiudersi con
una perdita operativa.
 * BANK OF IRELAND (BKIR.I: Quotazione) rimbalza del 30% circa dopo i
minimi record di ieri con scambi volatili. Recupera di oltre
l'8% anche ALLIED IRISH BANKS (ALBK.I: Quotazione) dopo le forti perdite
della vigilia sui timori degli investitori di un possibile
aumento di capitale dopo la nazionalizzazione di ANGLO IRISH
BANK ANGL.I. "Ci sono un po' di acquisti retail ma
l'atteggiamento è ancora quello di 'aspettiamo e guardiamo'",
commenta un trader da Dublino.
 * BURBERRY (BRBY.L: Quotazione) balza del 12% dopo che il gruppo del
lusso britannico ha superato le attese degli analisti con le
vendite trimestrali e ha annunciato un taglio dei costi di altri
30-35 milioni di sterline per portare i risparmi complessivi per
il 2009-2010 a circa 50 milioni.
 * ALSTOM (ALSO.PA: Quotazione) avanza del 7% circa. Il gruppo francese
di ingegneria e trasporti ha riportato nel terzo trimestre
vendite inferiori alle aspettative ma il calo dei nuovi
ordinativi è risultato meno pronunciato.